Roma

Forza Italia a congresso, Tajani eletto segretario. Metsola: "A giugno vostra voce sia forte"

Hanno partecipato ieri in video la commissaria europea Ursula von der Leyen e la premier Giorgia Meloni

Forza Italia a congresso, Tajani eletto segretario. Metsola: "A giugno vostra voce sia forte"
Ansa
Antonio Tajani

Antonio Tajani è stato eletto segretario di Forza Italia alla fine del secondo giorno del congresso nazionale del partito che si è tenuto a Roma, al Palazzo dei congressi dell'Eur. 

Un migliaio di delegati da tutta Italia, un candidato unico alla segreteria e quattro vice. La leadership di Antonio Tajani è stata approvata all'unanimità per alzata di mano. Eletti allo stesso modo i 4 vice-segretari Roberto Occhiuto, Alberto Cirio, Deborah Bergamini e Stefano Benigni mentre Renato Schifani è stato proclamato presidente del consiglio nazionale del partito.

Tajani punta a radicare l'immagine di FI come forza solida, moderata ed europeista dentro la coalizione di governo. Obiettivo è raggiungere la percentuale del 10% alle europee e raddoppiare questo risultato alle prossime politiche. Il mantra, alla vigilia della convention, è il "voto utile: il Ppe sarà la prima forza politica nel parlamento europeo - la previsione del leader azzurro -. Tutto lascia pensare che il prossimo presidente della Commissione e del Parlamento europeo saranno esponenti popolari. Più forte è Forza Italia più forte è l'Italia in Europa". E la collocazione dentro i popolari europei è tanto radicata che questa volta, alle urne gli elettori troveranno proprio il Ppe al centro del simbolo azzurro. 

"Nonostante i capelli grigi, l'età e l'esperienza, questo è il discorso più difficile e importante della  mia vita", ha detto il vicepremier e ministro degli esteri. "Non è facile, mi sento un po' come un  giocatore della squadra di Maradona che deve fare la finale di  Champions, però Maradona non c'è più... E tu per cercare di fare  quello che faceva Maradona, hai una sola possibilità: chiedere aiuto a tutta la squadra e a tutta la curva perché ti sostenga. La squadra  siamo noi, la curva sono i nostri elettori e Maradona è Silvio  Berlusconi".

L'unica sfida in questo congresso sarà per la carica del “sostituto”: in caso di impedimento del segretario, prenderà il suo posto il vice che avrà preso più voti o, a parità, il più anziano. Occhiuto, Bergamini, Benigni e Cirio sono quattro volti noti del partito: il primo è considerato vicino a Tajani e stando ai pronostici dovrebbe essere il più votato; la seconda ha storicamente buoni rapporti con la famiglia Berlusconi; il terzo viene associato a Marta Fascina; mentre il quarto - governatore del Piemonte – è espressione dei territori. 

Tajani: “Erano tutti convinti che saremmo scomparsi, è accaduto il contrario”

"Noi siamo qua, dopo qualche mese che il  nostro leader è scomparso. Tutti quanti erano convinti, forse anche  noi lo temevamo, di essere destinati all'emarginazione politica, alla  scomparsa dal palcoscenico nazionale. E' successo l'esatto contrario,  e io lo ricordo sempre, per merito anche nostro ma soprattutto del  nostro leader, che ha avuto la capacità di fare l'esatto contrario di  ciò di cui lo accusavano", cioè "dopo di me il nulla". Il vicepremier ha detto che Berlusconi ha costruito anche il futuro di Forza Italia.

Navalny, Tajani: “Omicidio che ci riporta a metodi Unione sovietica”

"La Russia ha scelto la strada del conflitto, all'esterno e all'interno. All'interno ha scelto la via della repressione. L'aggressione all'Ucraina è una sfida all'Occidente e alla legalità internazionale e la morte in carcere di Navalny ci riporta a metodi spietati dell'Unione sovietica. Poco importa se sia stato un killer o se sia stato condotto alla morte lentamente per la condizione carceraria. Sempre di omicidio si tratta". Ha detto Tajani: "Il Putin di Pratica di Mare non c'è più, è un altro Putin", ha aggiunto.

Tajani: “Siamo amici di Israele, ma la Palestina non è Hamas”

"Siamo amici di Israele, abbiamo sostenuto Israele e pianto il massacro  del 7 ottobre, e non possiamo neanche paragonare Israele ad Hamas. Comprendiamo la  necessità di reagire, ma di fronte a tutto questo abbiamo anche il dovere di chiedere  ai nostri amici israeliani di comportarsi secondo le regole di civiltà e umanità che  condividiamo con loro. Non accetteremo mai una soluzione che preveda la cancellazione  di Israele dalla carta geografica, ma combatteremo anche per ché il popolo palestinese  possa avere esaudito il suo sogno di avere uno Stato che non sia succube di Hamas.  Perché, come per la Russia e Putin, Hamas non è la Palestina e la Palestina non è  Hamas".

Metsola: “Pronti a riformarci, sia forte la vostra voce a giugno”

"Dobbiamo essere pronti a riformarci, non possiamo avere mai paura del cambiamento. Mai come oggi abbiamo bisogno di una Europa forte e forte deve essere la vostra voce il prossimo giugno. Forza Italia e forza Europa". Lo ha detto la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, dal palco.

"L'Europa non puo' rimanere a guardare in Medio Oriente. Abbiamo chiesto un cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi, per poter mandare piu' aiuti a Gaza e porre le basi per la soluzione di due popoli e due Stati", ha detto Metsola. "La risposta non puo' che essere politica, si deve trovare la volonta' politica di rompere il ciclo della storia", ha aggiunto.

Meloni: “Berlusconi uomo straordinario, Fi resta punto di riferimento”

"Da presidente di un partito so bene quanto sia importante un congresso nella vita di qualsiasi movimento politico. Posso solo immaginare quanto questo congresso sia importante per Forza Italia, la prima volta senza Silvio Berlusconi, senza un uomo straordinario che ha segnato la storia recente". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in un videomessaggio. "C'è chi ha detto che non ci sarebbe stato un futuro per FI, sapevamo che era una previsione sbagliata e i fatti lo stanno provando. Antonio Tajani e tutta la classe dirigente del partito hanno saputo raccogliere un'eredità politica importante, e FI continua ad essere punto di riferimento importante per una parte di elettorato di centrodestra", ha aggiunto Meloni.

Congresso di Forza Italia, videomessaggio Giorgia meloni Rainews.it
Congresso di Forza Italia, videomessaggio Giorgia meloni

 Von der Leyen: “Con la guida di Tajani FI ancora dell'Italia in Ue”

"Voglio ringraziare Tajani per la sua leadership, per i tanti anni che ha dedicato al servizio dell'Italia e dell'Europa". Lo ha affermato la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen, in un video messaggio al congresso di Forza Italia. "Sotto la sua guida", Forza Italia rappresenta "l'ancora dell'Italia in Europa", ha continuato. "So che il futuro sarà in buone mani", ha assicurato.

Ursula von der Leyen nel videomessaggio per Forza Italia Congresso Forza Italia
Ursula von der Leyen nel videomessaggio per Forza Italia

Il sindaco Gualtieri: “Collaborare per il rilancio di Roma”

Bisogna "collaborare con tutte le istituzioni, a partire da Roma Capitale, che sta lavorando per il proprio rilancio e che lavora con uno spirito di collaborazione e di unità fra tutte le forze del Paese perché il rilancio di Roma deve essere un obiettivo comune". Lo ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, arrivando come ospite al congresso di Forza Italia in corso a Roma.

Leader del Ppe Weber: “Non lasciamo l'Ue ai burattini di Putin”

"Il 9 giugno riguarda la nostra sicurezza, ma manche il nostro futuro economico. Abbiamo in Germania l'Afd che dice apertamente di voler distruggere questa Europa, vogliamo poi  lasciare l'Europa nelle mani di Le Pen che dopo l'occupazione della Crimea ha detto: 'sostengo la politica di Putin'? Io sono stanco marcio di ricevere lezioni da Afd, da Le Pen e dai populisti che dicono di amare la loro nazione ma che in realtà sono i burattini di Putin". Così il leader del Ppe, Manfred Weber, intervenendo al congresso nazionale di Forza Italia.  "Nel 2024 mezzo mondo andrà alle urne. Il mondo è sempre meno sicuro e una seconda presidenza Trump potrebbe renderci più vulnerabili di fronte ai nostri nemici. Noi abbiamo bisogno di una Europa forte", osserva.