Russia

Navalny, l'appello degli artisti russi per la restituzione del corpo. La figlia: "Mi manchi papà"

Musicisti, attori, scrittori, pubblicano sui social appelli per chiedere al presidente russo di riconsegnare alla madre il corpo del dissidente morto nel carcere siberiano

Navalny, l'appello degli artisti russi per la restituzione del corpo. La figlia: "Mi manchi papà"
instagram/dasha_navalnaya
Alexei Navalny con sua moglie Yulia e sua figlia Dasha

Il corpo di Alexei Navalny è stato mostrato ieri alla mamma Lyudmila Navalnaya, la donna ha trascorso 22 ore all'interno della sede del comitato investigativo di Salekhard provando invano a insistere col suo legale al fine di poter riavere la salma del figlio. Da ieri sera si sono moltiplicati gli appelli pubblici di attori, musicisti che, attraverso video, chiedono alle autorità di consegnare il corpo del dissidente a sua madre. 

Il team di Navalny ha rilanciato molti di questi post sul canale Telegram “Team Navanly”. Tra di essi anche i premio Nobel Dmitrij Muratov e Svetlana Alexievich, e il ballerino di fama internazionale Michail Barishnikov.

 

Michail Barishnikov appello per la restituzuone del corpo di Navalny Telegram TeamNavalny
Michail Barishnikov appello per la restituzuone del corpo di Navalny

Intanto oggi ha rotto il silenzio anche Dasha Navalnaya, la figlia di Alexei e di Yulia: “Amore, baci, abbracci, e mi manchi tanto”, ha scritto su Instagram. Le due donne sono state ricevute ieri dal presidente Usa Biden, in California.