Report Unione Medici Euromediterranea

1500 tra medici e infermieri negli ultimi tre mesi hanno lasciato l'Italia

Verso Paesi del Golfo ed europei. Attraggono stipendi che non hanno paragone con i nostri, l'organizzazione, il supporto logistico e la possibilità di crescita

1500 tra medici e infermieri negli ultimi tre mesi hanno lasciato l'Italia
@timesofgaza
Medici intervengono nel tentativo di salvare un uomo dopo un bombardamento

C’è chi diventa primario a 38 anni, impensabile dicono i medici in Italia. Poi lo stipendio: un chirurgo guadagna 1.900 euro al mese, in Belgio 3mila. Un divario non da poco. Eppure molti si sentono sconfitti a lasciare il nostro paese.

A stilare la fuga dei medici sono Amsi, Umem, Unione Medici Euromediterranea, e tutte le altre associazioni che fanno capo al Movimento Uniti per Unire.

In questo primo trimestre del 2024, con la stessa media del medesimo periodo del 2023, sono arrivate più di 1500 richieste di professionisti della sanità italiani per andare a lavorare all’estero, di cui circa 1050 medici e circa 350 infermieri e 100 altri professionisti sanitari. 

Un’emorragia che arrivano da regioni di “eccellenza” per la sanità italiana: Veneto,  Piemonte, Lombardia,  Emilia Romagna, Trentino, Sicilia, Sardegna e nelle ultime settimane dal Lazio.

Attrezzature Mediche Medicina Laboratorio Ospedale Pixabay
Attrezzature Mediche Medicina Laboratorio Ospedale

Dove vanno e perché
I medici emigrati italiani scelgono Paesi del Golfo, Europa, Sudamerica, Asia. A volte anche in Paesi dove le condizioni sanitarie possono essere precarie. Si lascia la sanità italiana perché non si sentono più parte integrante. La formazione che molti camici bianchi ritengono “un’esperienza senza prezzo”. Uno specializzando all’ultimo anno è già in grado di gestire attività cliniche e chirurgiche. In Italia non è così. La responsabilità professionale, racconta chi si è trasferito in Francia, è molta più la difesa del personale sanitario da parte della giustizia e i pazienti, in generale, sono meno aggressivi che in Italia. come si legge sul report.

medici in sala operatoria, foto generica pixabay
medici in sala operatoria, foto generica

Stipendi è cura dei pazienti 
Gli stipendi e la possibilità di seguire pazienti con attenzione non hanno meno importanza. In Austria, in Germania e Belgio c’è chi ha inizia con 3mila. In Italia? La busta paga italiana è di 1900 euro. Ad attirare i più giovani sono Qatar e Arabia Saudita per meno tasse e stipendi record.

 

 

Medici e infermieri Ansa
Medici e infermieri

Appello d’Amsi
“Come Amsi, siamo tenuti a sostenere quanti desiderano intraprendere la strada per lavorare all’estero, così come coloro che vogliono offrire il loro contributo nei paesi dove la sanità ha bisogno di aiuto e sostegno, laddove i conflitti dilaniamo le vite umane. Ci impegniamo, quindi, da 24 anni – ribadisce  Prof. Foad Aodi, Esperto in Salute Globale Presidente di Amsi e del Movimento Uniti per Unire nonché Docente di Tor Vergata e membro del Registro Esperti della Fnomceo-  un esodo di medici e infermieri italiani, non deve essere incontrollato, pe questo bisogna creare terreno fertile qui da noi affinché i medici possano rimanere a lavorare nella sanità di casa nostra”. 

 

 



 

medici corsia ansa
medici corsia