Dato su base mensile

A gennaio 2024, il tasso di occupazione scende al 61,8% mentre resta stabile la disoccupazione

L'occupazione cala, rispetto a quella di dicembre 2023, per effetto della diminuzione dei dipendenti a termine (che scendono a 2 milioni 953mila) e degli autonomi (5 milioni 45mila). A febbraio inflazione stabile

A gennaio 2024, il tasso di occupazione scende al 61,8% mentre resta stabile la disoccupazione
Ansa
Operaio in una fabbrica - immagine d'archivio

A gennaio, il numero degli occupati - pari a 23 milioni 738mila - è superiore a quello di gennaio 2023 di 362mila unità, come sintesi dell'incremento di 373mila dipendenti permanenti e di 22mila autonomi e della diminuzione di 33mila dipendenti a termine. Su base mensile, il tasso di occupazione scende al 61,8%, quello di inattività sale al 33,3% mentre il tasso di disoccupazione è stabile al 7,2%. Lo rileva l'Istat a commento dei dati diffusi.

Operaio in un cantiere - immagine di archivio Ansa
Operaio in un cantiere - immagine di archivio

L'aumento coinvolge uomini, donne e tutte le classi d'età, a eccezione dei 35-49enni per effetto della dinamica demografica negativa: il tasso di occupazione, che nel complesso è in aumento di 0,8 punti percentuali, sale anche in questa classe di età (+0,4 punti) perché la diminuzione del numero di occupati 35-49enni è meno marcata di quella della corrispondente popolazione complessiva. 

Rispetto a gennaio 2023, calano sia il numero di persone in cerca di lavoro (-8,1%, pari a -162mila unità) sia quello degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-1,3%, pari a -157mila). Confrontando il trimestre novembre 2023-gennaio 2024 con quello precedente (agosto-ottobre 2023), si registra un aumento del livello di occupazione pari allo 0,4%, per un totale di 90mila occupati. La crescita dell’occupazione, osservata nel confronto trimestrale, si associa alla diminuzione delle persone in cerca di lavoro (-3,5%, pari a -67mila unità) e alla stabilità degli inattivi.

A febbraio, secondo le stime preliminari, l'inflazione resta ferma allo 0,8%. La stabilizzazione del ritmo di crescita dei prezzi al consumo si deve principalmente all'affievolirsi delle tensioni sui prezzi dei Beni alimentari, non lavorati e
lavorati, i cui effetti compensano l'indebolimento delle spinte deflazionistiche provenienti dal settore dei beni energetici. In particolare, si attenua la flessione su base tendenziale dei prezzi dei beni energetici, che a febbraio risale al -17,3% (dal -20,5% di gennaio). Si riduce il tasso di crescita in ragione d'anno dei prezzi del “carrello della spesa” (+3,7%), mentre l'inflazione di fondo si attesta al +2,4% (da +2,7% del mese precedente).