Il 20 marzo

Arrivederci inverno, arriva l'equinozio di primavera che porta la bella stagione e la felicità

Alle 04,06 italiane, 12 ore di luce e 12 di buio. Con l'arrivo della primavera si celebra la Giornata Internazionale della felicità

Arrivederci inverno, arriva l'equinozio di primavera che porta la bella stagione e la felicità
PiaxaBay
Equinozio di primavera

E’ scattato oggi, 20 marzo, l'equinozio di primavera del 2024 alle 4.07 ora italiana (alle 03,07 Gmt), un passaggio che apre definitivamente le porte alla bella stagione. Dal punto di vista astronomico questo passaggio fa iniziare ufficialmente la primavera nell'emisfero boreale e rappresenta l'altro momento dell'anno - insieme all'equinozio d'autunno del 22 settembre prossimo - in cui il giorno e la notte hanno la stessa durata.

12 ore di luce e 12 di buio

Oggi il giorno avrà infatti 12 ore di luce e 12 ore di buio. Gli equinozi accadono quando nessuno dei due emisferi terrestri è inclinato verso il Sole e, per questo, il Sole si trova esattamente perpendicolare all'equatore, evento che vede tutti e due gli emisferi ricevere la stessa quantità di luce solare. Dopo l'equinozio di primavera, uno dei due emisferi - quello boreale a marzo e quello australe a settembre - si inclina verso il Sole, facendo sì che quell'emisfero abbia più ore di luce, grazie al Sole che sorge ogni giorno un po' prima e tramonta ogni giorno un po' dopo.

L’Equinozio di Primavera visto dallo Spazio Aeronautica Militare
L’Equinozio di Primavera visto dallo Spazio

Il termine equinozio

L'Istituto Nazionale di Astrofisica ricorda che l'origine etimologica del termine “equinozio” viene dal latino aequa-nox, appunto notte uguale, e indica che in un dato giorno la durata del periodo diurno e di quello notturno sono uguali. L'Inaf sottolinea inoltre che dal punto di vista astronomico gli equinozi, così come i solstizi, coincidano con precise posizioni della Terra nel suo moto di rotazione intorno al Sole e questo vuol dire, in termini pratici, che la definizione astronomica degli equinozi ha non solo un giorno, ma anche un orario preciso e quest'anno sarà domani 20 marzo, alle ore 4,07 ora italiana, le 03,07 Gmt.

L'equinozio però non identifica un intero giorno ma solo un istante in cui il Sole attraversa l'equatore celeste, da qui l'esigenza degli astronomi di definire un orario ben preciso che scandisce il passaggio e l'ingresso della primavera che avviene solo nell'emisfero boreale, mentre nell'emisfero australe accade il contrario: inizia l'autunno. 

Equinozio Primavera Gruppo Astrofili Galileo Galilei APS
Equinozio Primavera

L'equinozio di primavera, indica l'Inaf, è legato all'inclinazione di 23°27′ dell'asse terrestre rispetto al piano orbitale del pianeta, e questo è anche il motivo alla base della durata variabile di giorno e notte e dell'alternarsi delle stagioni. Inoltre la diversa inclinazione dei raggi solari crea le condizioni climatiche che caratterizzano ciascuna di esse. Gli astronomi dell'Inaf segnalano che il cielo di marzo è dominato dalla figura del Leone e dall'asterismo del Grande Carro. La Via Lattea invernale si sposta sempre più verso occidente, lasciando il posto ad un'area con bassa densità di stelle. Orione e Cane Maggiore sono sempre più basse sull'orizzonte, sostituite a sud dalla costellazione del Leone, la cui presenza indica l'arrivo prossimo della primavera, e dall'Idra, quest'ultima tanto grande quanto poco appariscente.

La Giornata Mondiale della Felicità

Un appuntamento istituito dall’Onu nel 2012 per valorizzare un diritto fondamentale dell’uomo spesso trascurato. Un data non causale, considerata la coincidenza con l’Equinozio di primavera: giornata simbolo della rinascita della natura, quando le temperature si fanno più calde e i colori tornano ad accendersi influenzando positivamente l’umore di tutti.

Questa la risoluzione con cui l’Assemblea ne dichiara l’istituzione: “L’Assemblea generale […] consapevole che la ricerca della felicità è uno scopo fondamentale dell’umanità, […] riconoscendo inoltre un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l’eradicazione della povertà, la felicità e il benessere di tutte le persone, decide di proclamare il 20 marzo la Giornata Internazionale della Felicità (International Day of Happiness), invita tutti gli Stati membri, le organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite, e altri organismi internazionali e regionali, così come la società civile, incluse le organizzazioni non governative e i singoli individui, a celebrare la ricorrenza della Giornata Internazionale della Felicità in maniera appropriata, anche attraverso attività educative di crescita della consapevolezza pubblica”.

La felicità come diritto fondamentale

La felicità viene riconosciuta, quindi, come diritto fondamentale dell’uomo, da promuovere, tutelare e garantire in ogni sua forma, anche attraverso uno sviluppo sostenibile e una crescita economica che punti a un benessere che sia davvero diffuso. Nel 2015, l’Onu è tornata su questo concetto, ribadendo all’interno degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile quelli che sono considerati gli aspetti chiave per arrivare alla felicità: la riduzione delle disuguaglianze, lo sradicamento della povertà e la protezione del pianeta. Ed è per questo che la società è chiamata a compiere scelte responsabili, contribuendo alla realizzazione di un benessere da perseguire in tutti i vari contesti: da quelli lavorativi a quelli scolastici, fino a quelli familiari.

Il benessere e la gioia fondamentali per la salute mentale e fisica

La felicità è uno stato d’animo. Secondo gli studi degli psicologi, nasce sia dell'emozione temporanea che proviamo quando stiamo bene, sia dalla serenità che viene dal sentirci realizzati, che è più duratura. Ma la cosa più importante è che la felicità non è di pochi fortunati, ma si tratta di uno stato d'animo che possiamo provare tutti. Basta solo volerlo. 

Finlandia è ancora Paese più felice, l'Italia dietro al Kosovo 

La Finlandia si mantiene salda nella prima posizione della classifica dei luoghi più felici in cui vivere e l'Afghanistan non riesce a muoversi dall'ultima. Il World Happiness Report 2024 assegna all'Italia un modesto 41esimo posto - appena sopra il Guatemala ma parecchio sotto il Kosovo e la Romania, solo per citarne due. Il rapporto, che si basa su indagini effettuate in 143 paesi e la cui pubblicazione coincide con la Giornata internazionale della felicità, si concentra quest'anno per la prima volta sull'analisi della felicità nelle diverse fasi della vita. Gli autori sottolineano che la felicità è tradizionalmente associata alla giovinezza e la vecchiaia è considerata una fase della vita meno felice, ma la realtà attuale smentisce queste idee. "Il trend positivo globale della soddisfazione di vita" tra i 15 e i 24 anni si è interrotto con la pandemia di coronavirus, afferma lo studio, frutto di una collaborazione tra Gallup, l'Oxford Wellbeing Research Centre, il Sustainable Development Solutions Network dell'ONU e l'ONU. Al contrario, la felicità a tutte le età è aumentata notevolmente nell'Europa centrale e orientale, tanto che "i giovani sono ora ugualmente felici in entrambe le parti d'Europa".