Dopo i piani industriali, Terna corre e Poste scende

Il Ftse Mib di Milano ha chiuso con un rialzo è salito dello 0,1 per cento. Gas e petrolio tornano in calo

Dopo i piani industriali, Terna corre e Poste scende
pixabay
Andamento Mercati

Indici di borsa quasi immobili oggi in Europa e negli Stati Uniti, in attesa delle decisioni sui tassi della Fed, alle 19. L'indice Ftse Mib di Milano è salito dello 0,10 per cento. Fa eccezione l'indice Cac40 di Parigi (-0,48%), trainato al ribasso dal lusso, dopo che Kering (-11%) ha avvertito che il proprio fatturato consolidato nel primo trimestre potrebbe scendere del 10% rispetto a un anno prima.

A Piazza Affari in evidenza due società che hanno presentato tra ieri sera e questa mattina il piano industriale: Terna, 3,59%, miglior titolo del Ftse Mib, e Poste Italiane, -3,86%, maggior ribasso. Telecom Italia è salita dell'1,87%, dopo le proposte del fondo con base in Lussemburgo, Merlyn Partners, che detiene lo 0,53% del gruppo. Tra queste c'è la vendita di Tim Brasil entro quest'anno. 

A Wall Street i tre indici principali sono praticamente invariati. La Fed oggi non dovrebbe toccare i tassi, ma gli investitori guarderanno le indicazioni dei membri del board della Fed sulle aspettative sui tassi dei prossimi mesi. Nell'ultima riunione in prevalenza avevano espresso l'attesa di tre tagli entro la fine dell'anno.

Migliora la situazione intanto sul fronte dell'energia. Il Petrolio scende nettamente dopo il picco di ieri, oggi il Brent è scambiato a 85,8 dollari al barile, -1,77%.

Scende anche il gas, -4,5%, torna appena sotto i 27,5 euro al megawattora.