Le Borse aprono prudenti aspettando la Fed

Domani toccherà alla Banca Centrale americana pronunciarsi sui tassi d'interesse

Le Borse aprono prudenti aspettando la Fed
pixabay
Andamento Mercati

Apertura molto debole e contrastata quella dei principali listini europei, chi più chi meno oscillano tutti intorno alla parità (Francoforte +0,01%; Parigi -0,04%; Londra +0,08%)  Milano cede in apertura lo 0,15 per cento dopo che ieri Piazza Affari ha registrato il suo record storico superando quota 34.000 punti prima di scenderne lievemente al di sotto.

Da notare come il Ftse Mib sia il listino che da inizio anno ha messo a segno le prestazioni migliori rispetto agli altri europei. Con un più 12 per cento circa

In evidenza le borse asiatiche poiché nella notte c’è stata la storica decisione della banca centrale del Giappone, che per la prima volta dal 2007 ha alzato i tassi d'interesse passando da un tasso negativo ad un range compreso tra +0 e +0,1%. La borsa di Tokyo guadagna ancora e segna un più 0,66%.

Negative invece le borse cinesi dopo l'entusiasmo di ieri per la produzione industriale di Pechino superiore alle attese

Domani toccherà alla Banca Centrale americana pronunciarsi sui tassi d'interesse.

Ieri Wall Street ha chiuso positiva trainata da tecnologici (Nasdaq +0,82%; Dow Jones +0,20%) e dati macroeconomici positivi.

I futures per la seduta di oggi sono però pessimisti.

Chiudiamo con un'occhiata al petrolio. Brent sostanzialmente stabile in queste ore a 86,69 dollari al barile dopo i rialzi dei giorni scorsi legati alle tensioni internazionali che lo hanno portato sui massimi degli ultimi 4 mesi