Elezioni Basilicata

Chiorazzo ritira la candidatura a Presidente e appoggia Piero Marrese

Quasi al fotofinish il 'campo largo' trova l'unità. Nella serata di ieri Angelo Chiorazzo candidato di Basilicata Casa Comune in conferenza stampa si schiera a fianco di Piero Marrese. "Ora, insieme, possiamo voltare pagina

Chiorazzo ritira la candidatura a Presidente e appoggia Piero Marrese
facebook Chiorazzo
Angelo Chiorazzo sosterrà Piero Marrese del campo largo

Angelo Chiorazzo, candidato in pectore alla presidenza della regione per “Basilicata Casa Comune”, ha fatto un passo indietro. 

Sosterrà il candidato di centrosinistra Piero Marrese, del PD. Lo ha comunicato nel corso di una conferenza stampa convocata all'improvviso in serata dopo che si erano susseguite voci su un suo possibile ritiro e dopo l'appello arrivato dai segretari regionali che sostengono la coalizione (Pd, M5S, Europa Verde, Sinistra Italiana, Socialisti e Basilicata Possibile) e da alcuni esponenti dem, tra i quali Roberto Speranza e Enzo Amendola.
"Con senso di responsabilità - ha detto Chiorazzo ai giornalisti presenti -  tutti insieme abbiamo deciso che non bisognava essere egoisti, ma che era necessario dare a tutti i lucani la possibilità di voltare pagina e di dare alla Basilicata un governo diverso da quello del centrodestra, che è stato il peggiore della storia".

I candidati a governatore, al momento, sono perciò tre: Bardi, Marrese e l'outisder Eustachio Follia di Volt. 

 La stretta di mano sigilla, via social, l'accordo tra Angelo Chiorazzo e Piero Marrese dopo che il primo ha fatto un passo indietro, decidendo di appoggiare la candidatura del secondo a governatore della Basilicata per il centrosinistra alle Regionali del 21 e del 22 aprile 20204. "Insieme, uniti, per una Basilicata vincente", ha scritto su facebook lo stesso Marrese, pubblicando una foto in cui lui e Chiorazzo si stringono, sorridenti, la mano.

E adesso l'attenzione si sposta sulle liste, che dovranno essere presentate nei Palazzi di Giustizia di Potenza e Matera venerdì 22 marzo, dalle ore 8 alle 20, e sabato 23 marzo, dalle 8 alle 12. Oggi, invece, è in programma una riunione, l'ultima della legislatura, del Consiglio regionale.