Commissione d'inchiesta su Emanuela Orlandi, De Priamo (FdI) presidente. Pietro: "Sono soddisfatto"

Presente il fratello della 15enne sparita nel giugno 1983. La Bicamerale indagherà anche su Mirella Gregori. Calenda: "Dobbiamo capire cosa è successo. Lo dobbiamo alle famiglie ma anche alla dignità dello Stato". Morassut e Marchetti vicepresidenti

Commissione d'inchiesta su Emanuela Orlandi, De Priamo (FdI) presidente. Pietro: "Sono soddisfatto"
Ansa
Pietro Orlandi nel corso di un presidio per la sorella Emanuela in piazza Cavour, a Roma

Il senatore di Fratelli d'Italia, Andrea De Priamo, con 25 voti favorevoli su 38 presenti è stato eletto presidente della Commissione bicamerale d’inchiesta sulla scomparsa di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, entrambe avvenute a Roma nel 1983.

Elezione subito commentata da Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela: “Sono contento, passo importante, spero di essere convocato quanto prima”. È soddisfatto il fratello della cittadina vaticana, scomparsa a Roma a 15 anni il 22 giugno 1983; e sottolinea che “la convocazione è stata celere. Ci sono volontà e voglia di fare chiarezza”. Ora “mi aspetto che partano i lavori”. Questo è “un giorno molto importante. Non è poco, nonostante le opposizioni di questo ultimo anno”. Il riferimento è al Vaticano, “che ha messo ostacoli, che non la riteneva necessaria”; Orlandi ha detto che “ha prevalso il buon senso. Nelle persone che ho sentito è prevalsa la buona volontà, oggi hanno eletto presidente, vicepresidenti e partiranno i lavori. Mi auguro che quest'anno uscirà anche qualcosa” ha concluso Pietro Orlandi.

“Noi l'abbiamo molto voluta questa Commissione, ci sono tante aree di non chiarezza e dobbiamo capire cosa è successo a queste due ragazze. Lo dobbiamo alle famiglie ma anche alla dignità dello Stato italiano” ha invece commentato Carlo Calenda, leader di Azione e membro della stessa Commissione. Roberto Morassut (Pd) e Riccardo Augusto Marchetti (Lega) sono stati eletti vicepresidenti.