Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid

Meloni: la pandemia di Covid ha sconvolto le nostre vite ma gli italiani hanno reagito

Quattro anni fa i camion che trasportavano le bare passavano per le vie di Bergamo, oggi la commemorazione. Il commissario Gentiloni: "Prova di solidarietà incredibile, senza precedenti a livello europeo"

Meloni: la pandemia di Covid ha sconvolto le nostre vite ma gli italiani hanno reagito
ANSA/ Fabio Conti
La colonna di camion militari carichi di bare lascia Bergamo, 19 marzo 2020

"La pandemia da Covid-19 ha segnato la nostra storia recente. Più di quattro anni fa la crisi sanitaria si è abbattuta sul mondo e la nostra Nazione ha pagato un prezzo particolarmente alto. Oggi onoriamo la memoria dei nostri connazionali che non ci sono più e ci stringiamo alle loro famiglie e ai loro cari. Il dolore per le tantissime vite perse è una ferita ancora aperta". Lo ha scritto in una nota la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in occasione della Giornata in memoria delle vittime dell'epidemia di coronavirus.

"La crisi pandemica - ha proseguito - ha prodotto enormi conseguenze economiche, sociali e sanitarie e il cammino per uscirne è ancora, per diversi aspetti, lungo. Penso, ad esempio, all'impatto devastante che il Covid-19 ha avuto sui nostri bambini e sui nostri adolescenti. Servirà molto tempo e un complesso insieme di interventi per restituire alle nostre giovani generazioni ciò che la pandemia, e le regole sanitarie imposte all'epoca, hanno tolto loro. La pandemia ha sconvolto le nostre vite, ma il popolo italiano ha trovato la forza di reagire. E lo ha fatto con umanità, solidarietà, unità e abnegazione. Questa è l'eredità più preziosa di quella crisi, che dobbiamo saper ricordare e che ci può insegnare ancora molto", ha concluso Meloni.

A Bergamo si è tenuta questa mattina la commemorazione delle vittime del Covid: presenti Paolo Gentiloni, commissario europeo per l'Economia, e Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, accolti dal sindaco Giorgio Gori. Gentiloni ha fatto riferimento alle immagini di quando i carri militari con le bare lasciavano Bergamo: "Quelle immagini hanno anche risvegliato qualcosa nella coscienza dell'Europa, la necessità di un grande intervento comune di solidarietà dopo le prime settimane di chiusura ed egoismi nazionali. Oggi sono qui per rendere omaggio alle vittime e alle famiglie e per ringraziare il personale sanitario".

Gli interventi

"Oggi ricordiamo le persone che hanno perso la vita a causa del Covid. Un ricordo che non si esaurisce in questa Giornata ma portiamo con noi ogni giorno perché non dimentichiamo chi è deceduto a causa del virus e la sofferenza delle loro famiglie. E non dimentichiamo che tra le vittime della pandemia ci sono stati anche operatori sanitari. Non ringrazieremo mai abbastanza medici, infermieri, operatori sociosanitari, farmacisti e volontari che hanno lottato contro il virus e hanno assistito e curato i malati fino allo stremo delle forze. Le immagini dei camion di Bergamo che trasportavano bare hanno lasciato un segno indelebile e sono di continuo monito e sprone nelle attività che ci vedono impegnati". È quanto dichiara il ministro della Salute Orazio Schillaci intervenuto alla cerimonia.

"Sono passati 4 anni da quel terribile 18 marzo con la foto con la colonna di camion in fila a Bergamo con le bare delle vittime da coronavirus. Immagini indelebili che riportano con la mente ad anni durissimi vissuti in prima linea anche dai medici internisti che hanno assistito il 70% dei pazienti colpiti dal virus. Ed è per questo che tutta la nostra comunità si stringe nel ricordo di chi non ce l'ha fatta". È quanto afferma il presidente della Federazione dei medici internisti (Fadoi), Francesco Dentali nel suo intervento. "Dalla pandemia - sottolinea - abbiamo tutti imparato moltissimo ma molto c'è ancora da fare per organizzare al meglio la nostra sanità sia per il presente che per non farci più trovare impreparati di fronte ad eventuali nuove emergenze. In primis, se vogliamo che il virus non rialzi più la testa occorre continuare la sensibilizzazione sull'importanza della vaccinazione nelle fasce di popolazione anziana e fragile che ancora oggi corrono molti rischi qualora dovessero contrarre il virus". "Occorre poi lavorare - segnala Dentali - per rendere i nostri ospedali più duttili e in grado di reagire prontamente a possibili nuove fasi critiche. Inoltre, la nostra assistenza territoriale va potenziata nel suo ruolo fondamentale di filtro. Per queste ragioni sarà fondamentale utilizzare al meglio le risorse del Pnrr. Inoltre, auspichiamo venga al più presto approvato il nuovo Piano pandemico e allo stesso tempo sia messa in atto la revisione del Dm 70/2015 sugli standard ospedalieri in correlazione al Dm 77/2022 sugli standard territoriali in modo da creare quella reale sinergia tra ospedale e territorio da troppo tempo attesa".

Nel prendere la parola  Paolo Gentiloni, commissario europeo per l'Economia ribadisce che si stratta di “una cerimonia che serve a coltivare la memoria” di qualcosa alla quale “non eravamo preparati, noi europei” e l'Unione europea. Ricorda come “la risposta dell’unione europea, ricordo quei terribili giorni di fine febbraio e le prime due tre settimane di marzo durante i quali il lavoro della commissione era limitare i danni delle decisioni prese dai diversi paesi europei. Non dimentichiamo che la prima risposta in Europa fu di chiusura”. Ma, sottolinea Gentiloni, “col passare dei giorni, tutto è avvenuto rapidamente e queste risposte di chiusura hanno lasciato il campo a una prova di solidarietà incredibile, senza precedenti a livello europeo”.

Il 18 marzo 2020: i camion che trasportavano le bare con le vittime del Covid per le strade di Bergamo

Era il 18 marzo 2020 quando - in piena pandemia - a Bergamo sfilavano decine di camion militari, in colonna, con le bare dei morti di Covid. Sfilando nel deserto spettrale delle strade svuotate dal lockdown, il convoglio imboccava la circonvallazione direzione autostrada, per raggiungere le città italiane che in quei giorni drammatici accettarono di accogliere i defunti destinati alla cremazione. Gli impianti cittadini non bastavano più, i morti erano troppi. E oggi, esattamente a quattro anni di distanza, le vittime della pandemia saranno ricordate in una cerimonia a cui sarà presente anche il commissario europeo Paolo Gentiloni e il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli. 

Il 18 marzo è infatti la data scelta per celebrare la Giornata nazionale delle vittime del Covid, che ormai per qualcuno sembra un lontano ricordo, non per chi vive a Bergamo e Brescia e nelle zone più colpite dal virus. Forse anche per questo ha creato reazioni dure il raid dei no vax che hanno imbrattato con scritte e vernice rossa il Palaspirà, il palazzetto dello sport di Spirano, sempre nella Bergamasca, che ha ospitato il primo centro vaccinale in Lombardia.

Gli appuntamenti

A Brescia oggi tutte le campane suoneranno a lutto alle 16.55, al Comune e negli edifici pubblici le bandiere saranno a mezz'asta. A Nembro, in provincia di Bergamo, la commemorazione è iniziata con un momento di preghiera al monte Cereto, dove sette lettori si sono alternati per elencare i nomi delle 188 vittime davanti alla croce piantata in loro memoria. Nella città di Bergamo, la commemorazione avviene in due momenti. Questa mattina al cimiero con Gentiloni e Locatelli e tutti i sindaci della provincia e al pomeriggio con la deposizione di una corona di fiori al bosco della Memoria, parco-monumento alle vittime realizzato vicino all'ospedale Giovanni XXIII.

Bandiere a mezz'asta nel palazzodella Regione Liguria a Genova in piazza De Ferrari. Sono stati 6.017 i deceduti in Liguria positivi al virus secondo l'ultimo bollettino stilato a febbraio 2024 dal Ministero della Salute e dall'Azienda ligure sanitaria (Alisa). Il primo caso Covid in Liguria venne accertato il 25 febbraio 2020 all'interno di un hotel ad Alassio, una turista lombarda di 72 anni. Oggi pomeriggio il maxischermo della Regione Liguria in piazza De Ferrari a Genova proietterà un messaggio di cordoglio.

“Il 18 marzo è la Giornata Nazionale in memoria delle vittime del Covid-19. Un giorno di ricordo e di commozione, un giorno in cui il mio pensiero va alle vittime, alle famiglie, a tutti noi spaesati, incerti, spaventati e angosciati. Sono stati giorni di una realtà che non avremmo voluto vivere, di un impatto sulle nostre vite e sul mondo che ci ha cambiati per sempre”. Lo scrive la ministra per le Disabilità Alessandra Locatelli in un post su Facebook. 

"Parenti, amici, persone che conoscevamo ci hanno lasciati in quei giorni, penso alle persone anziane o con disabilità, alle persone più fragili sole e isolate da tutto, senza qualcuno vicino che potesse tenergli la mano, senza qualcuno che potesse fargli una carezza. Prego per ogni persona che non ce l'ha fatta e per la sua famiglia. Prego perché mai più ci travolga così un evento inatteso e ringrazio tutti coloro che a diverso titolo non solo hanno prestato soccorso ma hanno anche recuperato ausili, strumenti, aiutato nelle piccole attività e nelle grandi azioni, supportato anche con viveri e conforto psicologico. Grazie, la pandemia ci ha colpiti molto duramente ma ci siamo rialzati. Alcuni hanno pagato il prezzo più caro e a loro penso spesso, con il cuore", conclude.