Mandata via due giorni dopo aver comunicato la gravidanza

Dice di essere incinta e la licenziano, il giudice: "È stata discriminata"

Il tribunale di Brindisi accoglie il ricorso di una 38enne. La lavoratrice ha voluto rendere pubblica la vicenda "per supportare, aiutare, e coinvolgere tutte quelle donne che si trovano discriminate sul posto di lavoro"

Dice di essere incinta e la licenziano, il giudice: "È stata discriminata"
Ansa
Licenziata perché incinta

Il licenziamento della donna di 38 anni che ha comunicato lo stato di gravidanza è stato definito, dalla giudice del lavoro del tribunale di Brindisi, Gabriella Puzzovio, di "natura discriminatoria". L'educatrice di Brindisi, Giorgia Marinò, è stata mandata via da una cooperativa due giorni dopo aver comunicato di essere incinta. La cooperativa, dopo il ricorso della 38enne, è stata condannata al risarcimento del danno in favore della lavoratrice per 13mila euro. La donna, difesa dagli avvocati Marco Paladini e Ornella Bruno Stamerra, era stata assunta con un contratto a tempo determinato di un anno, il 7 febbraio del 2020. 

Prima che si concludesse il periodo di prova di 60 giorni - si legge nella sentenza di primo grado - il 30 marzo la 38enne aveva comunicato alla coordinatrice il proprio stato di gravidanza, chiedendo di essere esonerata dai turni notturni, come previsto dalla normativa. Due giorni dopo, però, fu licenziata.   

La giudice, esaurita la fase istruttoria, ha ritenuto fondate le ragioni della lavoratrice perché "sono emersi i fattori di discriminazione essendo stato provato a monte che il datore di lavoro fosse a conoscenza dello stato di gravidanza e non vi fossero valide ragioni giustificative del recesso".    

La lavoratrice ha voluto rendere pubblica la vicenda, spiegano in una nota i legali Marco Paladini e Ornella Bruno Stamerra, "per supportare, aiutare, e coinvolgere tutte quelle donne che si trovano discriminate sul posto di lavoro. Ciò che ha turbato di più la signora Marinò è il ruolo attivo assunto dalla coordinatrice nell'aver mandato a casa un'altra donna solo perché è in dolce attesa".