"Dobbiamo davvero voltare pagina", ha dichiarato il leader del partito

Elezioni in Portogallo: i primi exit poll danno al partito di centro destra la maggioranza dei seggi

L'Alleanza Democratica ha fatto una campagna elettorale con la promessa di stimolare la crescita economica tagliando le tasse e di migliorare i servizi sanitari pubblici inaffidabili e l'istruzione

Elezioni in Portogallo: i primi exit poll danno al partito di centro destra la maggioranza dei seggi
Ap Photo
Lisbona, la gioia dei sostenitori del partito di coalizione di centrodestra dell'Alleanza Democratica dopo i primi risultati delle elezioni

Il partito di centro-destra portoghese, secondo i primi exit poll, ha conquistato il maggior numero di seggi nelle elezioni generali di oggi, mentre il sostegno al partito populista di estrema destra Chega è aumentato. L'Alleanza Democratica (AD) di centro-destra dovrebbe ottenere da 83 a 91 seggi nel Parlamento di 230 seggi, rispetto ai 69-77 seggi dei socialisti che governano dal 2015, secondo il sondaggio della televisione pubblica RTP. Il Chega è sulla buona strada per conquistare dai 40 ai 46 seggi.

L'Alleanza Democratica ha fatto una campagna elettorale con la promessa di stimolare la crescita economica tagliando le tasse e di migliorare i servizi sanitari pubblici e l'istruzione, che è stata tormentata dagli scioperi degli insegnanti e dei lavoratori della scuola per i salari. "Dobbiamo davvero voltare pagina", ha dichiarato il leader del partito, l'avvocato Luis Montenegro, 51 anni, in un affollato comizio finale all'arena di Lisbona venerdì sera. Ha fermamente escluso qualsiasi accordo post-elettorale con il Chega, ma altri alti funzionari dell'AD sono stati più ambigui. Chega ha detto che chiederebbe di far parte di una coalizione di governo di destra in cambio del sostegno parlamentare e gli analisti dicono che un accordo con il partito anti-establishment potrebbe rivelarsi l'unico modo per l'AD di governare. Come altri partiti populisti di estrema destra in Europa, Chega ha fatto leva sulle preoccupazioni per la criminalità e l'aumento dell'immigrazione. Con uno dei regimi di immigrazione più aperti d'Europa, il Portogallo ha visto raddoppiare la popolazione di origine straniera in cinque anni e l'anno scorso ha raggiunto un milione di persone, un decimo della popolazione del Paese. Chega, che significa "Basta", chiede controlli più rigidi sull'immigrazione, misure più severe per combattere la corruzione e la castrazione chimica per alcuni criminali sessuali.

Dopo aver votato a Lisbona, il leader del Chega, Andrè Ventura - un ex prete apprendista diventato poi commentatore televisivo di calcio - ha esortato a un'alta affluenza alle urne, affermando che le elezioni erano importanti perché il Portogallo stava "attraversando profondi cambiamenti demografici e sociali". A soli cinque anni dal 2019, Chega ha ottenuto il suo primo seggio in parlamento, diventando il primo partito di estrema destra a ottenere una rappresentanza nell'assemblea da quando un colpo di stato militare nel 1974 ha rovesciato una dittatura di destra durata decenni. Le elezioni sono state indette dopo che il primo ministro socialista Antonio Costa, 62 anni, si è inaspettatamente dimesso a novembre in seguito a un'indagine per traffico di influenze che ha comportato la perquisizione della sua residenza ufficiale e l'arresto del suo capo di gabinetto. Pur non essendo accusato di alcun reato, Costa ha deciso di non ricandidarsi. Sotto la sua guida la disoccupazione è diminuita, l'economia è cresciuta del 2,3% l'anno scorso - uno dei tassi più veloci dell'eurozona - e le finanze pubbliche sono migliorate. Ma i sondaggi indicano che molti elettori ritengono che il governo di Costa abbia sprecato la maggioranza assoluta conquistata nel 2022, non riuscendo a migliorare i servizi pubblici o ad affrontare una crisi abitativa che ha scatenato grandi proteste di piazza in quello che rimane uno dei Paesi più poveri dell'Europa occidentale. Il nuovo leader dei socialisti, l'ex ministro delle infrastrutture Pedro Nuno Santos, 46 anni, ha difeso i risultati del governo, pur riconoscendo che avrebbe potuto fare meglio in alcuni settori. Ha sostenuto che il partito socialista è un "porto sicuro" e ha avvertito che la destra dovrà tagliare le pensioni e altre spese sociali per finanziare i tagli fiscali promessi.

Portogallo, il voto di André Ventura Ap Photo
Portogallo, il voto di André Ventura

Commentando gli exit poll diffusi dalla tv di Stato, il leader dell'ultradestra portoghese, André Ventura, ha dichiarato che "si tratta di un risultato storico" per il suo partito e per la destra, a dimostrazione che i portoghesi "vogliono un governo AD e Chega"."Chega potrebbe arrivare stasera ad avere più del 20% dei voti. È un risultato assolutamente storico", ha detto Ventura, dicendosi "disponibile a costruire un governo in Portogallo. I portoghesi hanno detto chiaramente di volere un governo bipartitico: Chega e Ad", ha aggiunto, secondo quanto riportato da RTP.

Stando agli exit poll, la coalizione dei conservatori Alianza Democratica (Ad) avrebbe vinto le elezioni ottenendo tra il 29 e 33 per cento dei consensi, seguita dal Partito socialista (Ps), 25-29%, e da Chega, 14-17%.

La formazione del governo resta, per ora, un'incognita e tutti gli scenari sono aperti. Solo nei prossimi giorni si vedrà se si manterrà il patto tra tutte le forze politiche per tenere Chega lontano dal governo. Per tutta la campagna elettorale, i conservatori di AD hanno sempre escluso l'ipotesi di formare un esecutivo con gli estremisti di Ventura. Se però si manterrà questa linea l'unica via sarebbe avere un governo con la formula delle larghe intese tra i socialisti e i moderati, con un esecutivo magari guidato dallo stesso Montenegro.