Si vota il 21 e il 22 aprile

Elezioni regionali in Basilicata: Azione va con il centrodestra del governatore uscente Vito Bardi

L'annuncio del segretario lucano del partito Pessolano e del consigliere regionale Pittella: l'intesa costruita su alcuni elementi del programma come "il rilancio della sanità e del welfare". Soddisfatta Forza Italia

Elezioni regionali in Basilicata: Azione va con il centrodestra del governatore uscente Vito Bardi
ansa
Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi

Alle Regionali in Basilicata il 21 e il 22 aprile Azione sosterrà il governatore uscente Vito Bardi (Forza Italia), ricandidato alla guida della coalizione di centrodestra. Lo hanno annunciato il segretario lucano del partito, Donato Pessolano, e il consigliere regionale Marcello Pittella. 

Con Bardi “abbiamo condiviso assieme - hanno messo in evidenza Pessolano e Pittella - elementi del suo programma sui quali costruire un'intesa. In particolare, il necessario rilancio della sanità e del welfare, una riorganizzazione e una implementazione della governance regionale, l'individuazione di strategie per lo sviluppo che valutino anche l'istituzione di un fondo sovrano contro lo spopolamento, una strategia per la cultura che veda Matera come faro. Inoltre, le nuove tecnologie legate all'intelligenza artificiale, la transizione energetica e digitale, le grandi partite industriali tra cui l'automotive". 

Pessolano e Pittella hanno poi ringraziato il segretario Carlo Calenda "per gli sforzi fatti in queste ore per trovare una intesa politica e per la grande sensibilità umana che ci ha consegnato".

Soddisfatti i partiti di centrodestra per l'appoggio deciso da Azione. "Da coordinatrice regionale di Forza Italia sono estremamente soddisfatta del sostegno che stiamo ricevendo attorno alla candidatura del Presidente Vito Bardi in
Basilicata, frutto di un lavoro esemplare sul territorio e a livello nazionale sotto la guida di Antonio Tajani" ha detto la
ministra delle Riforme e coordinatrice regionale di Forza Italia, Maria Elisabetta Casellati, aggiungendo: "adesso la parola andrà ai lucani e sono certa che saranno al nostro fianco".