Farnesina: "Tre cooperanti italiani fermati in Tunisia, presunte irregolarità su prelievi di denaro"

Operano su alcuni progetti in Libia, si legge in una nota del ministero, Paese il cui sistema bancario mantiene limitazioni che rendono necessari, per chi vi si trova a operare e abbia necessità di valuta, periodici prelievi in Tunisia

Farnesina: "Tre cooperanti italiani fermati in Tunisia, presunte irregolarità su prelievi di denaro"
GoogleMaps
La sede dell'ambasciata italiana a Tunisi

Tre cooperanti italiani impegnati in attività per l'Osc Cesvi in Tunisia sono stati posti in stato di fermo nei giorni scorsi, insieme ad un altro membro dello staff Cesvi, per presunte irregolarità legate a prelievi di denaro da una banca locale. A farlo sapere in serata è stata la Farnesina.

I tre cooperanti operano su alcuni progetti in Libia, Paese il cui sistema bancario mantiene una serie di limitazioni che rendono necessari, per chi vi si trova a operare e abbia necessità di valuta, periodici prelievi di denaro in Tunisia. In questo caso, secondo quanto si è appreso, non si tratterebbe di un ammontare molto grande.
Sin dall'inizio della vicenda, ha sottolineato comunque il ministero degli Esteri, l'ambasciata d'Italia a Tunisi, in stretto coordinamento con la Farnesina, ha assicurato assistenza ai connazionali ed è in costante contatto con Cesvi, che sta fornendo tutte le necessarie informazioni alle autorità inquirenti per consentire un rapido chiarimento e arrivare a un auspicabile, rapido rilascio di tutte le persone coinvolte.

Cesvi è un'organizzazione umanitaria italiana laica e indipendente, fondata a Bergamo nel 1985. La ong opera in tutto il mondo per supportare le popolazioni più vulnerabili nella promozione dei diritti umani, e per lo sviluppo sostenibile. In particolare è attiva con 122 progetti in Africa, Asia, Medio Oriente, America Latina ed Europa.
Per quanto riguarda invece la Tunisia, proprio oggi l'Unione Europea ha erogato un sostegno finanziario sotto forma di aiuti al bilancio per un valore di 150 milioni di euro, nell'ambito del programma di sostegno alle riforme macroeconomiche (Parme) concordato dall'Ue e dalla Tunisia nel dicembre 2023. L'esborso è destinato a sostenere il Paese nella stabilizzazione della sua situazione macroeconomica e negli sforzi per migliorare la gestione delle finanze pubbliche e il clima imprenditoriale.

Sin dall'inizio della vicenda l'ambasciata d'Italia a Tunisi, in stretto coordinamento con la Farnesina, ha assicurato assistenza ai connazionali ed è in costante contatto con Cesvi, che sta fornendo tutte le necessarie informazioni alle autorità inquirenti per consentire un rapido chiarimento e arrivare a un auspicabile, rapido rilascio di tutte le persone coinvolte.