Ilaria Salis, domani l'udienza a Budapest. Il padre: "Imbarazzante se saranno negati i domiciliari"

Roberto Salis si riferisce all'imbarazzo per il governo italiano "dopo quanto si sono esposte le istituzioni".

Ilaria Salis, domani l'udienza a Budapest. Il padre: "Imbarazzante se saranno negati i domiciliari"
RaiNews.it
Ilaria Salis in tribunale a Budapest

Domani a Budapest l'udienza che deciderà se concedere gli arresti domiciliari, lì nella capitale ungherese, a Ilaria Salis, detenuta da oltre un anno con l'accusa di aver aggredito tre militanti di estrema destra. “Dopo tutto quello che è successo in Italia, dopo quanto si sono esposte, sarebbe imbarazzante per le istituzioni italiane se domani venissero negati i domiciliari a mia figlia”, ha detto Roberto Salis, dopo aver incontrato in carcere sua figlia.

Dopo la visita alla figlia, Roberto Salis è arrivato all'ambasciata italiana per un incontro con  l'ambasciatore Manuel Jacoangeli. "Ilaria sta bene ed è fiduciosa e speranzosa per l'udienza di domani", ha aggiunto. L'avvocato ungherese di Ilaria ha confermato di aver depositato la richiesta per i domiciliari, precisando che l'istanza per i domiciliari propone innanzitutto una dimora in Italia, richiamandosi alla decisione quadro del Consiglio Ue sulle misure alternative alla detenzione cautelare; e, solo in secondo luogo, un'abitazione "sicura" a Budapest, affittata con "garanzie appropriate" e offrendo una cauzione di "40 mila euro". "Il giudice rifiuterà quasi certamente i domiciliari in Italia", ha previsto l'avvocato Magyar ma, ha aggiunto, "potrà accettare quelli a Budapest. Come potrà ancheri fiutarli", ha avvertito.

Un mese fa il ministro degli esteri ungherese aveva detto, ai microfoni del Tg1: “Sugli arresti domiciliari in Italia, deciderà il tribunale che è un organo indipendente. Questa signora è venuta in Ungheria con una banda di estremisti di sinistra e ha picchiato persone innocenti". 

Parlamentari italiani a Budapest per assistere alla fase istruttoria del processo

Sono 7 i parlamentari in arrivo a Budapest. Si tratta di Sandra Zampa e Laura Boldrini del Pd, Nicola Fratoianni e Ilaria Cucchi di Avs, Stefania Ascari e Riccardo Ricciardi del M5s e Ivan Scalfarotto di Italia Viva. I parlamentari saranno a una cena all'ambasciata italiana a Budapest con l'ambasciatore Manuel Jacoangeli. Atteso a Budapest anche Zerocalcare, che ha dedicato a Ilaria Salis un fumetto a puntate su Internazionale.