Insulti dopo l'addio di Sarri

Immobile "aggredito verbalmente" mentre accompagnava il figlio a scuola. Ora denuncerà i media

"Istigati all'odio" si legge in una nota diffusa dal suo ufficio stampa

Immobile "aggredito verbalmente" mentre accompagnava il figlio a scuola. Ora denuncerà i media
Ansa
Ciro Immobile (foto d'archivio)

"L'istigazione all'odio è un reato e va punita". Dopo l'addio di Maurizio Sarri, Ciro Immobile denuncia di essere stato "aggredito verbalmente e fisicamente da un gruppo di persone" stamattina, davanti alla scuola del figlio di 4 anni, mentre lo accompagnava insieme alla moglie.

L'aggressione, sottolinea Immobile attraverso il suo ufficio stampa, è conseguenza "dell'istigazione all'odio" di alcuni organi di stampa e giornalisti via social, che con "parole d'odio" hanno riportato "ricostruzioni non inerenti alla realtà", attribuendogli una fronda contro Sarri. Immobile presenterà denuncia penale contro i responsabili della "diffamazione".

"Nella mattinata di oggi, venerdì 15 marzo, Ciro Immobile con la moglie Jessica e il figlio Mattia di 4 anni sono stati aggrediti verbalmente e fisicamente da un gruppo di persone davanti all'istituto scolastico del figlio", sottolinea in una nota il suo ufficio stampa, la Scarlott Company. 

"Il tutto purtroppo in seguito all'istigazione all'odio messa in atto e sostenuta da alcuni mezzi stampa e giornalisti attraverso i propri canali social che hanno diffuso parole d'odio nei confronti di Ciro Immobile, riportando inoltre ricostruzioni non inerenti alla realtà". 

"A seguito di questo episodio - prosegue la nota - il calciatore ha dato mandato ai suoi legali di agire oggi stesso in sede penale nei confronti dei responsabili di tale diffamazione. Tali affermazioni sono gravemente diffamatorie e quindi lesive dell'immagine professionale e personale dell'atleta e saranno portate alla attenzione del magistrato preposto. L'istigazione all'odio, soprattutto in maniera gratuita è un reato che va punito".