Lotta all'inflazione

La Fed mantiene i tassi invariati, tre i tagli previsti nel 2024

Per ora il costo del denaro resta fermo. BCE, Lagarde: "primo taglio forse a giugno"

La Fed mantiene i tassi invariati, tre i tagli previsti nel 2024
afp forum
Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, ONU

La Fed lascia fermi i tassi ma conferma tre tagli nel 2024 per un totale di 75 punti base. E Wall Street tira un sospiro di sollievo: dopo un avvio di seduta cauto, i listini americani avanzano decisi spazzando via i timori di una riduzione del costo del denaro quest'anno inferiore alle attese. La Bce, invece, guarda a giugno come data del primo possibile calo dei tassi.

"L'economia ha fatto progressi ma l'inflazione è ancora troppo alta", ha detto il presidente della Fed Jerome Powell al termine della due giorni di riunione. E i progressi sono sostanziali come emerge dalle nuove stime di crescita della Fed: il Pil quest'anno è atteso crescere del 2,1%, decisamente al di sopra dell'1,4% previsto alcuni mesi fa, a fronte di un'inflazione al 2,4% e un tasso di disoccupazione al 4%. "Il mercato del lavoro è in buona forma, non vede crepe. Le aspettative di inflazione nel lungo termine restano ben ancorate", ha aggiunto Powell ribadendo l'impegno della Fed a raggiungere l'obiettivo di un'inflazione al 2%. Un target che, per ora, è perseguito mantenendo i tassi di interesse invariati, per la quinta riunione consecutiva, in una forchetta fra il 5,25% e il 5,50%, ai massimi da 23 anni.

 

L'edificio della Federal Reserve Getty
L'edificio della Federal Reserve

"Continueremo a decidere riunione per riunione" come procedere, ha spiegato ancora il presidente della Fed, spingendosi però a dire che sarà "appropriato a un certo punto quest'anno iniziare a tagliare" i tassi. Secondo le attese degli analisti ci sono il 50% di chance di una prima riduzione del costo del denaro in giugno, ma molto dipenderà dai prossimi dati economici. Diversi analisti ed economisti indicano invece in luglio la data di un primo allentamento della politica monetaria. "Abbiamo bisogno di maggiore fiducia nella traiettoria di calo dell'inflazione verso l'obiettivo del 2% e i dati di gennaio e febbraio non hanno aiutato", ha osservato Powell precisando che resta ancora da capire se il rialzo degli ultimi mesi sia un fenomeno isolato oppure meno. Che la strada sarebbe stata a ostacoli, d'altronde il presidente della Fed non lo ha mai negato. Nel decidere quando tagliare la Fed si muoverà con cautela per evitare critiche politiche: tagliare i tassi troppo a ridosso delle elezioni presidenziali potrebbe infatti esporla a critiche e intaccare quindi la sua reputazione e credibilità. 

"Se riduciamo il costo del denaro troppo presto il rischio è che l'inflazione rialzi la testa. Se tagliamo troppo tardi il rischio è di danneggiare" l'economia: "ci sono rischi da tutte e due le parti", ha messo in guardia Powell. Guardando avanti la Fed ha rivisto al ribasso il numero dei possibili tagli dei tassi di interesse per il 2025 quando i tassi dovrebbero scendere dal 4,6% di fine 2024 al 3,9%, un livello più alto quindi rispetto al 3,6% previsto in precedenza. Nel più lungo periodo Powell non si è sbilanciato: "non sappiamo se i tassi resteranno elevato nel lungo termine. L'istinto mi dice che non torneranno a livelli molto bassi".

 

La presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde ansa
La presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde

La Bce invece potrebbe ridurre il costo del denaro in giugno. "Anche se l'inflazione è rallentata, rimane incertezza sulla sua persistenza": a giugno, se i dati confermeranno l'inflazione sottostante prevista, la Bce "sarà in grado di rendere la politica monetaria meno restrittiva", ma da lì in poi "ci sarà un periodo nel quale dovremo continuamente confermare che i dati supportano le prospettive d'inflazione", ha spiegato la presidente dell'Eurotower Christine Lagarde. Da Eurolandia intanto è arrivata una buona notizia che potrebbe facilitare il compito della Bce. A marzo la stima flash della Commissione europea sulla fiducia dei consumatori è migliorata di 0,6 punti percentuali sia nell'Ue che nell'area dell'euro.