Il dramma nella notte in un appartamento in via Bertocchi

Incendio in un appartamento a Bologna, muoiono per esalazioni una donna e i tre figli di 2 e 6 anni

Una stufetta elettrica potrebbe aver creato il corto circuito da cui sono poi partite le fiamme. Una vicina: "Erano separati ma in buoni rapporti e i bimbi erano sereni". Piantedosi: "Profondamente addolorato per la tragedia"

Tragico risveglio questa mattina per la città di Bologna dove sono morti una madre e i suoi tre figli molto probabilmente a causa delle esalazioni dovute a un piccolo incendio divampato nella notte nel loro appartamento. I bambini avevano appena due anni, un maschietto e una femminuccia, gemelli, e la sorella sei. 

La donna, 32 anni di origine rumena, è stata portata in un primo momento in codice rosso all'ospedale Maggiore, ma le condizioni erano già così gravi da non averle permesso di arrivare viva all'alba. Il padre, che si è salvato perché si trovava al lavoro, ha avuto un malore ed è stato portato in mattinata per accertamenti all'ospedale. L'uomo, separato dalla moglie Stefania Nistor, aveva raggiunto l'appartamento nella notte, insieme ai nonni.

L'incendio è avvenuto nella periferia della città emiliana, in via Bertocchi: la causa potrebbe essere attribuita ad un cortocircuito provocato da una stufetta elettrica. 

L'appartamento è stato sequestrato e sono in corso le indagini per ricostruire in modo più approfondito le origini del rogo.

 

Stefania Alexandra Nistor, la 32enne morta a Bologna in un incendio in via Bertocchi con i tre figli, 15 marzo 2024 ansa
Stefania Alexandra Nistor, la 32enne morta a Bologna in un incendio in via Bertocchi con i tre figli, 15 marzo 2024

L'appartamento invaso dal fumo

Quando i vigili del fuoco sono arrivati nell'appartamento al quarto piano, su una palazzina di otto, hanno trovato un ambiente saturo di fumo.

L'incendio sarebbe stato di modeste dimensioni e ha coinvolto una stufetta elettrica in camera da letto. L'intervento dei VdF, con il nucleo investigativo antincendio, è di poco prima dell'una e si è concluso intorno alle 5.

“Esprimo il profondo dolore e cordoglio della città per questa terribile tragedia, che ha spezzato la vita di una giovane famiglia. Attendiamo di conoscere, dagli accertamenti in corso, maggiori dettagli sulle cause dell’incendio e sull’identità delle persone coinvolte. Ai familiari e ai cari delle persone colpite va la nostra sentita e fattiva vicinanza". Così il sindaco di Bologna Matteo Lepore.

Cordoglio da Piantedosi e Bonaccini

Parole di cordoglio dal ministro dell'Interno Matteo Piantedosi: "Sono profondamente addolorato per la scomparsa di una donna e dei suoi tre bambini avvenuta a causa di un incendio che si è verificato nella notte in un appartamento a Bologna. Esprimo alla famiglia la mia vicinanza e il mio cordoglio, e ringrazio gli operatori dei Vigili del fuoco e delle Forze di Polizia che sono prontamente intervenuti sul luogo della tragedia".

"Quanto successo a Bologna lascia senza parole e con il cuore straziato", ha scritto su Facebook il presidente dell'Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. "Davanti a questa tragedia, tutta la comunità regionale si stringe intorno alla famiglia e alla città di Bologna".

I vicini di casa

"Stefania era una ragazza molto gentile e carina, una bellissima famiglia. Era separata dal marito ma avevano un rapporto bello, i bimbi erano allegri e felici". Lo ha detto una vicina che abita nello stesso pianerottolo dove vivevano le vittime. 

"Conoscevo la ragazza, era una brava persona. I bambini erano un amore, educatissimi, volevo prendergli le uova di Pasqua", la testimonianza di un'altra vicina.