Listini europei tutti sotto tono dopo la chiusura di Wall Street

Lo spread scende sui minimi da febbraio del 2022 a 140 punti base

Listini europei tutti sotto tono dopo la chiusura di Wall Street
pixabay
Andamento Mercati

Apertura negativa dei principali listini europei. Con Milano che riesce a limitare i danni e cede lo 0,06%. Va peggio a Londra, -0,31%, Francoforte -0,27% e Parigi -0,21%.

Sotto tono i listini europei dopo la giornata grigia di ieri e dopo la seduta di Wall Street, che ha visto Nasdaq e Dow Jones chiudere ieri sera rispettivamente a -0,41 e meno 0,25.

Listini americani sospesi tra fiducia sui titoli legati all'intelligenza artificiale (Nvidia al suo nuovo record storico) e sfiducia sull' imminenza di un taglio dei tassi di interesse. E i futures di Wall Street per oggi sono negativi.

Pesante invece il passivo della borsa di Hong Kong, che cedendo il 2,61%. Sui listini cinesi pesa la crisi dell'immobiliare ma anche la delusione dei mercati per i nuovi obiettivi di crescita di Pechino che ha fissato per il 2024 un pil al 5 per cento, lo stesso del 2023 ma con un obiettivo di spesa fiscale inferiore.

Lo spread scende sui minimi da febbraio del 2022 a 140 punti base.

Da segnalare la corsa dei bitcoin, la criptovaluta per eccellenza continua a guadagnare siamo a 66.557 (+3,89%) dollari, il record storico di 69.000 è ormai in vista.

Chiudiamo con il petrolio, Brent in lieve calo, (82,3 dollari al barile -0,07%) nonostante la decisione dell'Opec e dei suoi alleati di estendere i tagli volontari alla produzione fino alla fine di giugno