Sergio Mattarella: "Lotta alle mafie dovere di chi ama la Repubblica"

Le parole del Capo dello Stato nella Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie. "Leggere i loro nomi è espressione del desiderio di giustizia"

Sergio Mattarella: "Lotta alle mafie dovere di chi ama la Repubblica"
rainews
Sergio Mattarella

“Nata nella società civile, cresciuta grazie ai valori di cui è portatrice, la ‘Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie’ ” ricorda oggi Sergio Mattarella dal Quirinale "è ricorrenza significativa per la comunità nazionale".

"Un giorno che sottolinea l’impegno per liberare le popolazioni e i territori dalle mafie, per vincere l’indifferenza e la rassegnazione che giovano sempre ai gruppi criminali - continua il Presidente della Repubblica - . Quando difendiamo la dignità di essere cittadini liberi, quando ci ribelliamo alle violenze e alle ingiustizie, quando davanti ai soprusi non ci voltiamo dall’altra parte, contribuiamo alla lotta contro le mafie.

La lettura dei nomi delle innocenti vittime delle mafie è atto che ci ricongiunge a quanti hanno pagato con la vita la disumanità mafiosa e segno di vicinanza alle loro famiglie e, al contempo, espressione forte, collettiva, di quel desiderio di giustizia che costituisce l’energia vitale di una democrazia.

Le Istituzioni sono chiamate a fare il loro dovere per contrastare, su ogni piano, le organizzazioni del crimine e l’azione dei cittadini e delle forze sociali è coessenziale per costruire e diffondere la cultura della legalità e della libertà".

"Le mafie sono una pesante zavorra per l’Italia, insinuate come sono in ogni attività illegale dei traffici criminali. La Giornata - conclude il Capo dello Stato - ci rammenta che la lotta alle mafie è compito e dovere di tutti coloro che amano la Repubblica e intendono renderne migliore il futuro".