L'evento

Mattarella inaugura la nuova sede della Stampa estera: "Il ruolo della libera stampa è decisivo"

Il presidente della Repubblica definisce la stampa libera "presidio della libertà delle persone". E aggiunge: "Fino a due anni fa, l'Europa viveva in una époque de paix, che speriamo di riuscire a difendere, rimuovendo i fuochi di guerra"

Mattarella inaugura la nuova sede della Stampa estera: "Il ruolo della libera stampa è decisivo"
rainews

Il ruolo della libera stampa è decisivo, è il presidio della libertà delle persone” afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo all'inaugurazione della nuova sede della Associazione stampa estera. “Emerge sempre di più come il mondo sia sempre più integrato, raccolto, interconnesso, con la necessità di rapporti collaborativi e non conflittuali e anche per questo la stampa è fondamentale” ha aggiunto il capo dello Stato, rivolgendo i suoi auguri ai corrispondenti esteri in Italia. “Fino a due anni fa, l'Europa viveva non in una bella époque ma in una époque de paix, che speriamo di riuscire a difendere, ripristinare appieno, rimuovendo i fuochi di guerra” ha detto ancora il presidente della Repubblica.

 

Il siparietto sulla tessera di socio onorario

“Sono lieto di vedere una così bella nuova sede, anche come socio onorario. Condizione di cui ringrazio molto l'Associazione. Sono rammaricato, presidente: non l'ho con me. Confidando che mi avreste comunque fatto entrare, anche senza esibirla” scherza poi Mattarella, riferendosi alla tessera da giornalista. Il presidente ha risposto così a una battuta che gli aveva fatto la presidente della Stampa Estera, Esma Çakır, dicendo: “Spero cha abbia portato con lei la tessera di socio onorario”.

Il capo dello Stato ha proseguito: “Non sono andato a prenderla nella mia casa privata, che più di due anni fa mi ero preparato qui a Roma” continua poi a scherzare, il capo dello Stato, riferendosi alla fine del suo primo mandato, convinto di terminare due anni fa l'esperienza al Colle, in vista del quale aveva anche predisposto un nuovo appartamento.

Oltre a Mattarella, sono presenti il ministro degli Esteri, Antonio Tajani; il ministro delle Imprese e Made in Italy, Adolfo Urso; il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'Informazione e all'Editoria, Alberto Barachini; e Gianni Letta con i membri del Consiglio direttivo dell'Associazione.