I soccorsi della Guardia Costiera

148 migranti sbarcati a Lampedusa. Sea Watch in fermo amministrativo a Pozzallo con 56 persone

Le carrette del mare partite dalla Libia, erano alla deriva in mare aperto

148 migranti sbarcati a Lampedusa. Sea Watch in fermo amministrativo a Pozzallo con 56 persone
ansa
Migranti sugli scogli a Lampedusa, recuperato anche un cadavere 08 03 2024

138 persone sono arrivate, su una carretta di 11 metri alla deriva, a Lampedusa. I migranti sono bengalesi, egiziani, pakistani, siriani e palestinesi. Tra loro 21 donne, una al settimo mese e 17 minorenni. Erano salpati da Sabratha in Libia. I soccorsi della Guardia di Finanza che hanno individuato la carretta in mare. Dopo i controlli medici sono stati portati nell'hot spot di Contrada Imbriacola.

Migranti in mare ANSA
Migranti in mare

Altro sbarco di 46 migranti che si sono schiantati, con una barchetta, sugli scogli sull'isola siciliana. Recuperato il cadavere di un uomo. Secondo una prima ipotesi, la causa sarebbe un malore, ma sarà l’autopsia, disposta dalla Procura della Repubblica di Agrigento, a fare chiarezza. Gli agenti della Squadra Mobile stanno interrogando i superstiti. I migranti, pakistani ed egiziani, hanno pagato 4mila a 6mila euro a testa per affrontare il viaggio.  

 

Migranti Lampedusa Ansa
Migranti Lampedusa

La Sea Watch 5 è ormeggiata nel porto di Pozzallo per un fermo amministrativo, dove era arrivata nella notte tra giovedì e venerdì dopo il salvataggio di 56 migranti. Il provvedimento è scattato per violazione delle disposizioni del Centro Coordinamento Salvataggi in mare di Roma che avrebbe comunicato alla nave dell'Ong tedesca di rivolgersi per il soccorso al centro di coordinamento della Libia. Nel porto siciliano ci sarebbe anche un fermo di indiziato di delitto per un presunto scafista. Disposta l'autopsia sul corpo di un giovane di  18 anni morto a bordo della Sea Watch 5. 

Migranti a bordo della nave della ong Sea Watch Ansa
Migranti a bordo della nave della ong Sea Watch