Molestie all'Università, primario a Cagliari resterà a casa per nove mesi

Non potrà né insegnare né fare ricerca: il provvedimento scaturito dalle diverse segnalazioni arrivate direttamente dagli studenti di Medicina nei questionari di valutazione dei docenti e sulla didattica

Molestie all'Università, primario a Cagliari resterà a casa per nove mesi
GoogleMaps
Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Medicina e Chirurgia

Alla fine, i vertici dell'Università di Cagliari hanno deciso: resterà a casa per nove mesi, non potrà né insegnare né fare ricerca il docente di medicina interna dell'Università di Cagliari, direttore della scuola di specializzazione accusato di molestie. "L'Ateneo è sempre attento a tutte le situazioni che violano le norme di condotta in ambito didattico e lavorativo. Pertanto, anche in questo caso si è mosso immediatamente, attivando con la massima riservatezza e accuratezza le procedure previste dalle norme e dai regolamenti", fa sapere l'Università in una nota, dopo aver firmato il provvedimento scaturito dalle diverse segnalazioni arrivate direttamente dagli studenti di Medicina nei questionari di valutazione dei docenti e sulla didattica. Tante, tantissime le segnalazioni da parte di studentesse, futuri medici, che con quell'insegnante proprio non si sentivano a loro agio. Confidenza eccessiva, allusioni, approcci, battute a sfondo sessuale e doppi sensi.