Giornata nera nella Capitale

Ncc a Roma per la protesta. Migliaia i mezzi previsti alla manifestazione: "Intervenga governo"

Ncc da tutta Italia stanno raggiungendo Roma, con tutti i mezzi. L'appuntamento è per oggi alle 12 al Palalottomatica dove partirà il corteo di veicoli

Ncc a Roma per la protesta. Migliaia i mezzi previsti alla manifestazione: "Intervenga governo"
Ansa
Auto adibite al servizio di Ncc (noleggio con conducente)

Migliaia di Ncc oggi scendono in strada per protestare. I mezzi stanno raggiungendo Roma da tutta Italia, l'appuntamento è per oggi alle 12 al Palalottomatica dove partirà un corteo di veicoli diretto a Piazza Esedra, dove, dalle 14, avrà inizio la manifestazione nazionale del Noleggio con conducente indetta da Sistema Trasporti, Anitrav, Associazione Ncc Italia, AsiNcc, Comitato Air alla quale ha aderito la federazione MuoverSi'. 

"Ribadiremo con forza la richiesta di intervento di Palazzo Chigi in quanto riteniamo il ministro Salvini ormai irrimediabilmente compromesso in una campagna elettorale a favore dei tassisti. Abbiamo bisogno di terzietà e di poter presentare le nostre proposte di riforma. Non accetteremo più le norme a noi imposte dai tassisti - dice Francesco Artusa, presidente di 'Sistema Trasporti' -. È vergognoso che possano esserci ancora due categorie concorrenti nella stessa legge in cui per una, gli Ncc, si chiede il dossieraggio degli operatori dei clienti, un'ora di fermo tra un servizio e l'altro, il divieto di lavorare per intermediari come tour operator e agenzie e il fermo amministrativo per qualsiasi infrazione, anche presunta. L'altra invece, il taxi, è coccolata ed esentata da qualsiasi obbligo, compresi quelli fiscali e con sanzioni molto più leggere, quando raramente inflitte, per violazioni ben più gravi. Accontentare ancora una volta i tassisti con altre misure incostituzionali come quelle già cassate, al solo scopo di impedire la concorrenza, significa esporre l'Italia a nuove figuracce interne ed internazionali alla vigilia del Giubileo e delle olimpiadi. Salvini vuole condannare milioni di passeggeri ad infinite code in attesa di un taxi o di un mezzo pubblico, tagliando le gomme all'unica mobilità che funziona in questo paese: gli Ncc. Oggi saremo a Roma per impedirglielo", conclude.

Le ragioni della manifestazione

“Il ministro dei Trasporti Matteo Salvini varerà tre decreti attuativi che avranno l'effetto di aggravare la già critica situazione del trasporto pubblico locale non di linea nelle nostre città”. Spiega Andrea Romano, presidente di Muoversì, in una lettera inviata stamani a tutti i parlamentari delle Commissioni Trasporti di Camera e Senato nel giorno della manifestazione nazionale di protesta degli Ncc. 

Le limitazioni, sottolinea nella lettera, mettono a rischio la sopravvivenza economica di oltre 25mila imprese di Noleggio con Conducente e di circa cinquantamila operatori del settore: "Mi riferisco in particolare all'obbligo per i vettori Ncc di attendere un'ora tra la fine di un servizio e l'inizio di un altro (laddove la media europea è di soli 5 minuti), al divieto di usare qualunque forma di intermediazione (dalle piattaforme alle agenzie di viaggio ai consorzi sanitari), all'obbligo per ogni viaggiatore di comunicare preventivamente l'orario e il percorso del servizio (con evidente danno alla privacy).