La festa di primavera che segna l'inizio di un nuovo anno

Nowruz, il capodanno persiano che segna il passaggio alla primavera

A pochi giorni dalle ultime elezioni legislative iraniane la festa assume le caratteristiche del simbolico: le fiamme della festa e quelle della rivolta che cova ancora sotto la cenere

Pace nel mondo e prosperità economica per il prossimo anno. E' quello che si augurano gli iraniani per la festa di Nowruz il capodanno persiano, giorno che secondo il calendario solare hijri, segna il primo giorno e l'equinozio di primavera. 

La festa, risalente al 1700 a.C. ha le sue radici nella religione zoroastriana. Secondo la tradizione al tramonto si brucia legna o tutto ciò che non serve più, in uno spazio aperto e libero, danzando e cantando intorno al fuoco fino a sfidare le fiamme. 

Molto sentita nell'antico impero persiano, oggi a maggioranza sciita, Nowruz si festeggia anche in Iraq, Afghanistan, Siria, Kazakistan e Turchia, anche tra i sunniti. Secondo le Nazioni Unite, è celebrato da oltre 300 milioni di persone nel mondo. 

Capodanno iraniano, un venditore apre il suo negozio nel tradizionale bazar Tajrish, nord di Teheran, Iran ApPhoto
Capodanno iraniano, un venditore apre il suo negozio nel tradizionale bazar Tajrish, nord di Teheran, Iran

A pochi giorni dalle ultime elezioni legislative iraniane la festa assume le caratteristiche del simbolico: le fiamme della festa e quelle della rivolta che cova ancora sotto la cenere. 

Pesano il forte astensionismo registrato (41%) mai così alto nella storia della Rivoluzione khomeinista tuttora al potere, e gli attivisti che criticano la mancanza di un'opposizione intorno allo status quo. Qualcuno intona ancora lo slogan "Donna, Vita, Libertà", simbolo delle proteste esplose nel settembre 2022 per Masha Amini, la studentessa curda-iraniana morta mentre era in custodia dalla polizia morale per aver indossato male il velo islamico obbligatorio. Da allora sono molte le iraniane che sfidano le regole sociali camminando per strada coi capelli al vento, qualcuna è fotografata mentre fuma una sigaretta nell'affollato gran bazar di Teheran. Cose impensabili agli occhi dei mullah.

Capodanno iraniano, donna senza il velo islamico obbligatorio, nord di Teheran, Iran ApPhoto
Capodanno iraniano, donna senza il velo islamico obbligatorio, nord di Teheran, Iran

Una folla si è radunata al santuario di Sakhi a Kabul per celebrare l'occasione. Sebbene sia prevalentemente una festa sciita, Nowruz segna anche il nuovo anno in Afghanistan ed è celebrato dai sunniti. Il santuario Sakhi è il secondo luogo di culto sciita più importante in Afghanistan. La celebrazione di Nowruz era vietata sotto il precedente regime talebano dal 1996 al 2001. 

Ma ecco che, per l'occasione arriva un messaggio del capo della teocrazia Ali Khamenei. "Chiedo che questo sia "l'anno del boom della produzione con la partecipazione delle persone", ha detto il leader iraniano. La guida suprema dell'Iran ha anche sottolineato gli amari avvenimenti dell'ultimo anno nel paese, come l'uccisione di persone in attacchi terroristici, e ha affermato tuttavia che la crisi palestinese e la guerra nella Striscia di sono stati gli avvenimenti più amari dell'anno scorso.  

 

"Ci siamo impegnati a restare al tavolo delle trattative per i colloqui sul nucleare, abbiamo siglato accordi per 11 miliardi di dollari nel campo degli investimenti esteri e del petrolio e del gas", ha detto il presidente Ebrahim Raisi alla tv di Stato. 

"Assistiamo a manifestazioni di potere per l'annientamento di due milioni di palestinesi a Gaza, e al chi fornisce al regime sionista armi e miliardi di dollari" mentre “l'anno scorso i nemici hanno fomentato” l'unità nazionale, ha rimarcato il presidente.

“Il nostro messaggio di Nowruz è chiaro: la notte se ne andrà e il giorno arriverà. L’oscurità passerà e la luce ancora una volta illuminerà e riscalderà il giardino che è l’Iran”, dice invece il il principe iraniano esule negli Usa Reza Pahlavi.

Capodanno iraniano, donna senza il velo islamico obbligatorio, nord di Teheran, Iran ApPhoto
Capodanno iraniano, donna senza il velo islamico obbligatorio, nord di Teheran, Iran