Il capo delle forze armate ucraine: "Possiamo finire la guerra con una vittoria militare"

Il comandante Oleksandr Syrsky, in carica da febbraio, parla in una rara intervista: "I russi non avranno pace nella nostra terra, mai". Il punto sul ritiro da Avdiivka, sulla carenza di munizioni, sull'assistenza occidentale

Il capo delle forze armate ucraine: "Possiamo finire la guerra con una vittoria militare"
General Staff of the Armed Forces of Ukraine / Facebook
Oleksandr Syrsky durante una visita alle truppe nella regione di Donetsk

Oleksandr Syrsky, da due mesi comandante in capo delle Forze armate dell'Ucraina, ha rilasciato una rara intervista all'agenzia Ukrinform. “La situazione al fronte è davvero difficile”, ha ammesso, “ma non siamo solo sulla difensiva, avanziamo anche in direzioni diverse ogni giorno. Recentemente, il numero di posizioni che abbiamo recuperato supera quello delle posizioni perse. Il nemico non è riuscito ad avanzare in modo significativo nelle aree strategiche e i suoi guadagni territoriali, se ci sono, sono di importanza tattica”. Tuttavia, “va riconosciuto che la situazione attuale in alcuni settori rimane tesa. Gli occupanti russi continuano ad aumentare i loro sforzi e hanno un vantaggio numerico in termini di uomini. Da sempre, non tengono conto delle perdite e continuano a utilizzare la tattica degli assalti in massa”

In questo periodo, spiega, i russi hanno aumentato il ricorso all'aviazione e alle bombe aeree guidate, ma soprattutto “a un fitto fuoco di artiglieria e mortai. Alcuni giorni fa, il vantaggio del nemico in termini di munizioni era di circa sei a uno. Tuttavia, abbiamo imparato a combattere non con la quantità di munizioni, ma con l'abilità a usare le armi che abbiamo. Inoltre, sfruttiamo al massimo i vantaggi dei droni, anche se il nemico sta cercando di colmare il divario per quanto riguartda questa efficace arma".

Mosca “continua a condurre operazioni offensive su un ampio fronte, cercando di raggiungere ad ogni costo i confini delle regioni di Donetsk e Luhansk e respingendoci sulla sponda orientale del Dnipro nella regione di Zaporizhzhia. In alcune zone del fronte, siamo riusciti a pareggiare la situazione con l'artiglieria, e questo ha immediatamente influenzato la situazione nel suo complesso. Ogni giorno, il nemico non solo subisce perdite significative in termini di uomini ed equipaggiamenti, compresi i sistemi di artiglieria, ma non può mai sentirsi al sicuro in nessun luogo, compresi i territori temporaneamente occupati dell'Ucraina. Questo è un importante fattore psicologico. Non avranno pace nella nostra terra. Mai. E ogni occupante dovrebbe esserne consapevole”.

Il comandante rivendica poi l'abbattimento di tredici aerei russi “in soli dieci giorni a febbraio” e i risultati dei droni navali, i cui attacchi stanno “distruggendo la flotta russa del Mar Nero".

Interrogato sul recente avvicendamento con il precedente comandante in capo, Valery Zaluzhny, ha tagliato corto: “I militari hanno un solo dovere: eseguire gli ordini, non discuterli. Quindi, se il presidente aveva ragioni per una tale sostituzione, soprattutto durante la fase attiva della guerra, significa che le ragioni erano valide. Valery  io abbiamo lavorato fianco a fianco nei momenti più difficili dall'inizio dell'invasione russa su larga scala, e anche prima. Abbiamo lavorato come una sola squadra. Gli auguro di avere successo nella sua nuova posizione di grande responsabilità”, quella di ambasciatore nel Regno Unito.

Quanto al recente ritiro da Avdiivka, nel Donbass, Syrsky ha spiegato che le forze russe avevano “un vantaggio significativo in termini di forze e mezzi delle unità d'assalto”, e “l'insufficiente quantità di munizioni per la nostra artiglieria ha giocato un ruolo negativo”. Questo ha fatto sì che “per evitare l'accerchiamento e salvare le vite delle persone, è stato deciso di lasciare” questa posizione.

“Siamo molto grati ai nostri alleati occidentali, alla Nato, all'Unione europea e ad altri partner per il loro sostegno. Senza questo sostegno, senza la fornitura di armi, munizioni, sistemi di difesa aerea e hardware militare, sarebbe molto più difficile per noi combattere contro un nemico insidioso e potente”, ha poi detto il comandante. Ha però precisato: "Saremmo ancora più grati se questa assistenza arrivasse più velocemente e in quantità sufficiente. Non abbiamo potuto ottenere maggiori successi durante l'offensiva di Kharkiv (nell'estate 2022, ndr) perché non avevamo risorse sufficienti. La mancanza di risorse e della quantità necessaria di munizioni ha permesso ai russi di trincerarsi in profondità a sud, nella regione di Zaporizhzhia, e l'assalto a queste posizioni, senza un efficace supporto aereo, ci è costato perdite di personale e di attrezzature. L'ultimo caso è Avdiivka. Manterremmo sicuramente queste posizioni se ci fosse un numero sufficiente, innanzitutto, di sistemi di difesa aerea e di proiettili di artiglieria. Questa non è una pretesa, è una constatazione. Ci mancano le armi e possiamo fare tutto il resto da soli.

"Attualmente, le Forze di difesa stanno svolgendo compiti su tutta la vasta linea del fronte - ha proseguito - in una generale carenza di armi e munizioni. In queste condizioni, il passaggio alla difesa strategica è una decisione logica. Ma è altrettanto logico il contrario: se l'Occidente, come sostiene, fornirà all'Ucraina tutto ciò di cui le sue forze armate hanno bisogno, ci permetterà di respingere il nemico, indipendentemente dal numero di persone mobilitate dalla Russia, e, infine, di porre fine a questa guerra con una vittoria militare sul nemico. Ma anche noi non stiamo con le mani in mano. Stiamo sviluppando le capacità dell'industria della difesa nazionale. Se gli europei si uniranno al suo sviluppo nei volumi che promettono, credo che alla fine risolveremo il problema della ‘fame di proiettili’". Syrsky ha infine allontanato lo spettro di una mobilitazione da 500 mila persone: “Questa cifra è stata significativamente ridotta. Ci aspettiamo di avere abbastanza persone per difenderci”.