'Voice Engine'

OpenAi ha realizzato un modello di intelligenza artificiale in grado di clonare le voci umane

La società assicura di aver adottato un insieme di misure di sicurezza per poter risalire all'origine di qualsiasi suono generato da questo sistema. Il Governo Usa frena: vietato l'uso di voci riprodotte attraverso l'IA

OpenAi ha realizzato un modello di intelligenza artificiale in grado di clonare le voci umane
(GettyImages)
Logo OpenAI visto sullo schermo con il sito Web ChatGPT visualizzato su un dispositivo mobile

OpenAI, il gigante dell'intelligenza artificiale che ha creato ChatGPT, ha presentato un sistema per clonare la voce. L'uso di 'Voice Engine' sarà limitato per impedire frodi o crimini, come il furto d'identità. Questo modello d'intelligenza artificiale è in grado di riprodurre la voce di una persona da un campione audio di 15 secondi, secondo quanto comunicato da OpenAI in base ai risultati di un test condotto su piccola scala. 

"Riconosciamo che la capacità di generare voci simili a quelle delle persone comporta rischi seri, che sono particolarmente rilevanti in quest'anno elettorale", ha dichiarato la società con sede a San Francisco. "Lavoriamo con
partner americani e internazionali del governo, dei media, dell'intrattenimento, dell'educazione, della società civile e di altri settori e terremo conto delle loro osservazioni man mano che svilupperemo il modello".

OpenAI ha assicura di aver adottato "un approccio prudente e informato", prima di una più ampia diffusione del nuovo strumento "in considerazione del potenziale uso improprio delle voci sintetiche". La precisazione segue un grave incidente politico avvenuto quando un consulente della campagna presidenziale di un rivale democratico del presidente americano Joe Biden ha messo a punto un programma in grado di simulare l'identità di quest'ultimo, in corsa per la rielezione. La voce che imitava quella di Biden incitava gli elettori a non votare alle primarie del New Hampshire. Gli Stati Uniti hanno poi vietato un simile impiego delle voci clonate generate dall'IA, per contrastare le truffe politiche o commerciali.

OpenAI ha precisato che i partner che testano 'Voice Engine' hanno accettato regole che implicano il consenso esplicito e informato di qualsiasi persona la cui voce sia clonata e la trasparenza per coloro che l'ascoltano, i quali devono essere  chiaramente informati che quelle voci sono generate dall'intelligenza artificiale. "Abbiamo adottato", ha assicurato   OpenAi, "un insieme di misure di sicurezza, incluso un marchio per poter risalire all'origine di qualsiasi suono generato da  Voice Engine, e un controllo proattivo del suo utilizzo". Lo scorso ottobre la Casa Bianca ha reso note le regole e i principi   per disciplinare lo sviluppo dell'IA, fra i quali quello della trasparenza