L’incidente in un pozzo di carbone

Pakistan: esplosione in una miniera, nessun superstite

Non è la prima volta: nel 2018 sempre nella regione del Beluchistan, nota per essere ricca di minerali, morirono 20 minatori

Pakistan: esplosione in una miniera, nessun superstite
Getty
Lavoratori in una miniera in Pakistan

Un boato e la terra ha inghiottito un pozzo di carbone. Intrappolati e morti 12 miniatori  a 244 metri di profondità. L'esplosione è avvenuta  in un una miniera privata nella regione mineraria di Khost, 80 chilometri a est di Quetta, nella provincia del  Beluchistan, in Pakistan.

Anche un gruppo di otto persone che ha tentato di salvare i propri colleghi è rimasto intrappolato per diverse ore, ma è stato poi portato in salvo da una squadra di soccorso governativa. Erano tutti in stato di shock. Sul posto sono al lavoro squadre di soccorso del dipartimento minerario del Governo e dell'Agenzia per la Gestione dei Disastri.

 

 

Lavoratori in una miniera in Pakistan Getty
Lavoratori in una miniera in Pakistan

Strage in Pakistan nel 2018 

Gli incidenti mortali non sono rari nelle miniere pakistane, famose per le condizioni di lavoro pericolose e per gli scarsi standard di sicurezza. 

Fu definito un massacro quello in cui 20 miniatori persero la vita sempre per un’esplosione in una miniera di carbone sempre nella provincia del Beluchistan. Decine i feriti anche in modo grave. Il tetto precipitò giù bloccando i minatori. Incidenti provocati spesso dalla mancanza del rispetto delle misure di sicurezza e il numero dei lavoratori che scendono nella gola della terra non è sempre preciso. Secondo fonti delle autorità locali, il tetto di un tunnel sarebbe venuto giù a causa di un'esplosione. Le regione del Beluchistan, nota per essere ricca di minerali, ma anche per la scarsa sicurezza delle sue miniere. 

 

Crollo della miniera d'oro in Russia AP
Crollo della miniera d'oro in Russia

Russia: crollo in miniera d'oro

Ieri 13 operai sono rimasti bloccati per un crollo in una miniera d'oro della regione dell’Amur, nell'estremo oriente della Russia. Erano a 125 metri di profondità. La causa un incendio. 

 

Incendio di una miniera d'oro in Perù AFP PHOTO / PERUVIAN NATIONAL POLICE
Incendio di una miniera d'oro in Perù

Perù: 27 morti in un incendio 

È stato uno degli incidenti più gravi in Perù e dell’America Latina. Nel 2023, 27 lavoratori sono morti in una  in una miniera d’oro nel sud del avvolti dalle fiamme. Dodici i corpi recuperati. ".

La miniera gestita dalla Minerva Yanaquihula da 23 anni ogni anni estrae 15 mila tonnellate di once d’oro. L’estrazione mineraria in Perù è il motere del pil. Il paese è il secondo produttore mondiale di argento, rame, zinco e di oro, zinco strano molibdeno dell’America Latina. Il Ministero dell’Energia e delle miniere ha dichiarato che lo scorso hanno sono morti 39 

 

Crollo in una miniera di carbone in Cina CnccTv
Crollo in una miniera di carbone in Cina

Incidenti minerari in Cina: 11 marzo 

 La Televisione centrale cinese (CCTV), la più grande emittente televisiva della Cina, diede la notizia che sette persone erano morte e due erano disperse per un’esplosione dovuta a una fuga di gas in una miniera di carbone nella provincia di Anhui, nell’est del paese. La miniera apparteneva alla società statale cinese Huaihe Energy, che è attiva nell’estrazione, nel trasporto e nel commercio di carbone e nella produzione di energia termica. 

L’industria mineraria cinese è la più pericolosa del mondo: il settore è alla ricerca costante di nuovi giacimenti per soddisfare i bisogni energetici del paese, e per questo esiste anche un numero imprecisato di miniere illegali che operano con standard di sicurezza molto bassi. A gennaio 16 persone erano morte in un altro incidente a Pingdingshan, nella Cina centrale.

 

 

Miniera in Africa gettyimages
Miniera in Africa

Disastro in una miniera illegale in Mali

Il 25 gennaio del  2024 una miniera d’oro illegale è crollata in Mali, in Africa. Grave incidente in una regione sud-occidentale vicino a Bamako. Intrappolati 100 minatori, 70 hanno perso la vita. Il Mali è il terzo produttore d'oro dell'Africa e simili tragedie sono purtroppo comuni. I minatori non autorizzati, responsabili del 6% della produzione annuale totale, sono spesso accusati di ignorare le misure di sicurezza

Le cause del crollo, avvenuto nel distretto di Kangaba, nella regione sud-occidentale di Koulikorosono. Il Mali è il terzo produttore d'oro dell'Africa e non è nuovo a simili tragedie sono comuni. I minatori non autorizzati, che lavorano su piccola scala, sono spesso accusati di ignorare le misure di sicurezza, soprattutto nelle aree più remote. Si stima che l'estrazione artigianale dell'oro produca circa 30 tonnellate d'oro all'anno e rappresenti il sei per cento della produzione annuale di oro del Mali.

Minatori intrappolati Twitter
Minatori intrappolati