Anniversario

Quel gigante di Lucio Dalla: oggi avrebbe compiuto 81 anni

Non superava i 165 centimetri di altezza, ma con le sue canzoni è riuscito a volare

“Compiva sedici anni quel giorno la mia mamma, le strofe di taverna le cantò la ninna nanna” frullano in testa i versi di “4/3/1943”, il brano omaggio della nascita del cantautore bolognese. A dodici anni dalla morte, avvenuta il primo marzo 2012, Lucio Dalla avrebbe compiuto oggi 81 anni: profetico, ermetico, raffinato, rileggendo le sue canzoni; Compositore e polistrumentista, votato al jazz, ripercorrendone la musica.

Lucio Dalla Ansa
Lucio Dalla

I suoi celebri brani fanno eco, ancora. “Caruso”, “Piazza Grande”, “L’anno che verrà”, “La sera dei miracoli”, “Futura”, giusto per citarne alcuni. Lucio Dalla è stato uno dei giganti del cantautorato italiano e ha saputo lasciare un'impronta indelebile nel panorama musicale. “Un genio”, lo definisce Marco Masini. 

La sua tecnica, l'esecuzione e il trasporto lo hanno consacrato. Indimenticabile la fusione di voci e collaborazioni che hanno segnato la lunga carriera. Da Gianni Morandi a Francesco Guccini, da Mina a Ornella Vanoni, con Pavarotti, tra gli altri, ha messo in luce le sue capacità di improvvisazione. Non solo sul palco, anche nella vita sapeva improvvisare e lo fece, appunto, con la canzone “Gesù Bambino” quando, censurata al Festival di Sanremo, rimpiazzò il titolo con la sua data di nascita: “4/3/1943”.