Record per Tokyo e Mumbai, Piazza Affari in lieve calo. Petrolio, Arabia e Russia estendono i tagli

Apertura della Borsa

Record per Tokyo e Mumbai, Piazza Affari in lieve calo. Petrolio, Arabia e Russia estendono i tagli
pixabay
Andamento Mercati

Fase positiva per i mercati: la borsa di Milano ha chiuso venerdì la sesta settimana consecutiva in rialzo ed è sul massimo dal 2008. Oggi avvio in lieve calo, -0,18% per l'indice Ftse Mib. Nel resto d'Europa Londra -0,17%, Francoforte -0,02%, Parigi -0,10%. 

Nella notte l'indice Nikkei 225 di Tokyo ha superato per la prima volta i 40mila punti. Record anche per la borsa di Mumbai, in India. Nel caso giapponese tra i motivi dei rialzi rientra la politica monetaria che rimane espansiva nonostante l'uscita del Paese da tre decenni di deflazione. Nel caso indiano la causa principale sembra essere la crescita economica del Paese.

Venerdì sera era toccato al Nasdaq dei titoli tecnologici di New York aggiornare il record, ancora sull'onda che spinge i titoli legati all'intelligenza artificiale. Hanno aiutato anche i dati sull'inflazione negli Stati Uniti (Pce) e nell'Eurozona pubblicati alla fine della scorsa settimana e risultati in lieve calo, sostanzialmente in linea con le attese. Questo ha rafforzato l'ipotesi di un taglio dei tassi a giugno da parte della Fed americana, la piattaforma FedWatch Tool di Cme Group assegna una probabilità del 73%.

Sotto osservazione però il petrolio: Arabia Saudita e Russia hanno comunicato che i tagli alla produzione del greggio, già attuati nei mesi scorsi, saranno estesi fino alla fine di giugno. Il prezzo rimane a poco più di 83,5 dollari al barile, sui massi delle ultime settimane ma distante dal picco di 95 dollari dello scorso settembre.

Tra i titoli a Piazza Affari, Borsa Italiana comunica che le azioni di Visibilia Editore sono sospese dalle negoziazioni. Venerdì il tribunale di Milano ha revocato gli attuali membri del Cda e ha nominato un amministratore giudiziario.

Nel paniere dei 40 titoli del Ftse Mib maggiori rialzi per Diasorin (+5,1%): la società ha ricevuto l’autorizzazione della Fda americana per una piattaforma di test molecolari. Seguono Saipem (+1,48%) e Pirelli (+1,39%). Maggiori ribassi per Ferrari (-2,12%) e Moncler (-1,39%).