Operazione dei Carabinieri

Smaltimento e roghi tossici di rifiuti al mercato ortofrutticolo, 2 arresti a Reggio Calabria

Le indagini sono iniziate nel 2023 su segnalazioni di residenti. 7 persone indagate e sequestro dei beni di un’impresa coinvolta

Smaltimento e roghi tossici di rifiuti al mercato ortofrutticolo, 2 arresti a Reggio Calabria
Carabinieri
Reggio Calabria: Smantellata dai Carabinieri organizzazione criminale dedita al traffico illecito e incendio di rifiuti

Avevano creato discariche non autorizzate lunghe circa un chilometro, intorno al mercato ortofrutticolo di Reggio Calabria. Sversavano spazzatura di ogni genere e poi la bruciavano. Due persone sono state arrestate dai Carabinieri. Le accuse associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, danno all’ambiente e alla salute pubblica. Nell’inchiesta iniziata nel 2023, sono indagate 7 persone. 

I militari hanno ricostruito la struttura di un’organizzazione criminale dove il ruolo principale sarebbe stato di un imprenditore, arrestato, che gestiva il  trasporto e lo sversamento illegale di ingenti quantitativi di rifiuti urbani e speciali che arrivavano dal mercato ortofrutticolo e da esercizi pubblici di Reggio Calabria. L’uomo si serviva degli automezzi della propria ditta e della collaborazione degli altri indagati che lavoravano per lui tutti in nero. I rifiuti poi venivano dati alle fiamme creando l’aria irrespirabile e tossica.

Oltre agli arresti, è stato disposto il sequestro preventivo del patrimonio dell'impresa, conti correnti, mezzi e un box occupato abusivamente dentro al mercato.