Aveva fatto perdere le sue tracce il 21 marzo

Ritrovato Edoardo Galli alla stazione di Milano: era arrivato in pullman al confine con Montenegro

Il 16enne riconosciuto da una coppia di viaggiatori mentre faceva il biglietto per tornare a casa. Il ragazzo sta bene e ha riabbracciato i genitori

Edoardo Galli è stato ritrovato. Il 16enne di Colico, in provincia di Lecco, aveva fatto perdere le sue tracce poco più di una settimana fa, lasciando i genitori in uno stato di angoscia assoluta.

Il giovane è stato riconosciuto da una coppia di viaggiatori alla stazione di Milano poco prima delle otto di oggi, venerdì 29 marzo. I due hanno subito avvisato il personale dipendente di Fs Security che, a sua volta, ha richiesto l'intervento della Polizia Ferroviaria.

Edoardo Galli era stato ripreso dalle telecamere della stazione della capitale lombarda anche il giorno del suo allontanamento, avvenuto il 21 marzo.

Secondo fonti di "Chi l'ha visto?" il giovane sta bene. E fanno anche sapere che i genitori dello studente "ringraziano tutti".

Era stata proprio alla trasmissione di Rai3 che la madre e il padre si erano rivolti per essere aiutati a rintracciare il ragazzo.

Era arrivato in pullman fino al confine del Montenegro Edoardo Galli. A seguito dell’attivazione di tutti i canali di cooperazione internazionale di polizia da parte dei carabinieri del Comando Provinciale di Lecco, il giovane è stato controllato la notte del 27 marzo dalla polizia croata al confine di Karasovici-Sutorina. Vistosi 'scoperto', il giovane ha deciso di far rientro in Italia, presumibilmente sempre in autobus, dove è stato riconosciuto grazie alla diffusione delle immagini estrapolate dei carabinieri nei giorni scorsi e diffuse da parte dell’Autorità Giudiziaria. Secondo quanto risulta ai carabinieri della stazione di Colico, che per 8 giorni hanno lavorato alla ricerca del ragazzo, Edoardo Galli in tutti i suoi spostamenti sarebbe sempre stato da solo. Il giovane ha fatto rientro a Colico con la famiglia e sarà sentito nei prossimi giorni dalla procura di Lecco.

La preside: “Ora ci aspetta veramente una buona Pasqua” 

"Siamo tutti felicissimi e sollevati. Ora ci aspetta veramente una buona Pasqua e non chiedevamo altro. Ci stringiamo intorno a Edo e alla sua famiglia in questo momento di tanta serenità. I compagni e i professori non vedono l'ora di poterlo riabbracciare, ovviamente quando sarà possibile". Sono le prime parole di Elisa Gusmeroli, la dirigente scolastica del liceo scientifico Pier Luigi Nervi-Ferrari di Morbegno, in Valtellina.

Edoardo Galli Polizia
Edoardo Galli