La protesta degli studenti

Roma, tensioni fra polizia e studenti all'Università 'La Sapienza'. Bernini:"Violenza intollerabile"

Un corteo dei collettivi della Sapienza, partito dall'aula magna del rettorato che era stata occupata, ha attraversato viale Regina Elena, a pochi metri dall'Istituto superiore di sanità. I ragazzi sventolano la bandiera della Palestina

Roma, tensioni fra polizia e studenti all'Università 'La Sapienza'. Bernini:"Violenza intollerabile"
localteam
Sapienza, tensione tra studenti e polizia davanti al rettorato

Momenti di tensione tra studenti e forze di polizia all'università La Sapienza di Roma. Il corteo dei collettivi della Sapienza, partito dall'aula magna del rettorato che era stata occupata, ha attraversato viale Regina Elena,  a pochi metri dall'Istituto superiore di sanità e da uno degli ingressi della Sapienza. La polizia è in assetto antisommossa. I ragazzi sventolano la bandiera della Palestina e ribadiscono le motivazioni della loro azione al megafono. 'Vogliamo semplicemente parlare con la nostra rettrice', la loro richiesta. 

I problemi si erano verificati già nella mattinata quando un gruppo di giovani ha tentato di entrare nell'edificio del Rettorato dove era in corso l'assemblea dei Collettivi che ieri sera hanno occupato la struttura.

Tra i manifestanti e le forze dell'ordine c'è stato qualche spintone. Davanti all'ingresso del Rettorato i giovani hanno urlato "vergogna vergogna" e intonato cori contro Israele, le forze di polizia e la rettrice Antonella Polimeni

La polizia, a detta del collettivo Cambiare Rotta, autore dell'occupazione del rettorato, avrebbe impedito "agli studenti di entrare nel Rettorato occupato per l'assemblea studentesca contro la complicità della Sapienza con Israele" e, sempre la polizia avrebbe "spintonato e malmenato gli studenti. Di nuovo".

Il collettivo parla di un episodio "gravissimo" e spiega che "questo è il clima di repressione nel paese contro chi alza la voce contro i crimini di Israele. Gli studenti hanno battuto la repressione e ora sono dentro il rettorato occupato per l'assemblea". "Sull'esempio della lotta degli studenti di Bari e Torino - prosegue Cambiare Rotta - la Polimeni si deve dimettere da MedOr, l'università Sapienza non deve partecipare al Bando MAECI (Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale), va rotta ogni complicità con Israele. La lotta continua".

 

La rettrice dell'ateneo è intervenuta rispondendo alle proteste: "In riferimento alle richieste avanzate da alcune studentesse e alcuni studenti che hanno occupato nelle ultime ore alcuni ambienti del Rettorato, nel ribadire la più ferma condanna di ogni forma di violenza e di azione illegale e antidemocratica, l'Ateneo è disponibile, come sempre è stato, a portare in discussione eventuali istanze della Comunità studentesca, purché queste giungano in modo condiviso attraverso la propria rappresentanza negli Organi e non ledano i principi democratici e i diritti e le libertà altrui", ha affermato Polimeni.

"La Sapienza riconosce quali strumenti di comunicazione e di decisione quelli definiti dalle leggi e dai regolamenti, informati dalle norme di convivenza civile che guidano il  Paese. Lo Statuto di Sapienza dota l'Ateneo di organi decisionali composti dai rappresentanti eletti delle diverse componenti della Comunità accademica, che portano negli Organi la voce e le opinioni dei soggetti rappresentati", ha ricordato la rettrice.

Sostegno alla rettrice della Sapienza da parte del ministro dell'Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini. "Totale sostegno ai rettori Polimeni e Delfino. L'occupazione del rettorato de La Sapienza e l'aggressione al rettore dell'Università di Genova sono azioni squalificanti che vanno ben oltre la libera manifestazione del pensiero o la protesta pacifica. Le Università non sono zone franche dove si possono mettere in atto intimidazioni o compiere reati", ha affermato Bernini.

"La violenza che alcuni collettivi stanno imponendo all'intera comunità accademica è intollerabile e vede come principali vittime proprio gli studenti. Condanno fermamente quanto sta accadendo e ringrazio le forze dell'ordine per il loro sostegno", ha aggiunto.

Gli studenti occupano il rettorato della Sapienza ansa
Gli studenti occupano il rettorato della Sapienza