La scheda

Strage di Mosca, 9 anni di attacchi dell'Isis in Russia: dai lupi solitari alle aggressioni di massa

L'ombra del terrorismo islamico, nella terra di Putin, è di lunga data: esplosione di ordigni assalti all'arma bianca, 14 blitz solo dal 2015, quello della sala concerti Crocus City Hall il più sanguinoso mai registrato negli ultimi anni

Strage di Mosca, 9 anni di attacchi dell'Isis in Russia: dai lupi solitari alle aggressioni di massa
AFP
24 marzo 2024. Fiori e candele dei moscoviti nei pressi del Crocus City Hall, luogo della strage al concerto

Gli attacchi sul suolo russo da parte dello Stato Islamico non sono una novità: il gruppo jihadista ha iniziato a rivendicare azioni in Russia nel 2015, alcune senza vittime e altre con diversi morti, come quello negli Urali nel 2017 quando l'esplosione di un edificio residenziale provocò 39 morti, negli ultimi 9 anni sono tanti i tentativi di destabilizzare il regime di Putin con irruzioni e attentati, di singoli o piccoli gruppi, nelle principali città.

Mosca, la sparatoria, poi la mattanza: i primi momenti dell'irruzione del commando armato
 

Cremlino, Mosca (GettyImages)
Cremlino, Mosca

Russia: 14 attacchi dell'Isis in 4 anni
Secondo i dati compilati dall'EFE, sia dalle proprie informazioni che da database come quello del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, l'Isis ha rivendicato o è stato responsabile di almeno 14 attacchi in Russia tra il 2015 e il 2019.

Strage di Mosca: chi sono i quattro attentatori del Crocus City Hall, la scheda
 

Vladimir Putin (GettyImages)
Vladimir Putin

Quello avvenuto nella sala concerti Crocus City Hall di Mosca è il più sanguinoso mai registrato da allora, ma le azioni dell'Isis in Russia spaziano dall'omicidio di agenti di polizia, al massacro di fedeli in una chiesa, all'esplosione in un supermercato, a sparatorie o un lupo solitario che taglia i pedoni.

Putin: "Saranno puniti i mandanti, chiunque essi siano"
 

La lista del terrore: tutti i blitz in Russia


2015 - 19 dicembre. 
-Nel primo attacco rivendicato dall'Isis sul suolo russo, un uomo ha sparato a 11 turisti e ne ha ucciso uno mentre visitavano la cittadella Naryn-Kala di Derbent, nella Repubblica del Daghestan.
 

2016 - 17 agosto. 
-Due uomini aggrediscono un agente di polizia con pistole e asce a un posto di blocco nel sobborgo di Balashikha a Mosca, e sono stati uccisi dagli agenti. Un poliziotto rimane gravemente ferito.
23 ottobre. 
-Due uomini sparano a un agente di polizia che stava ispezionando la loro auto a Nizhny Novgorod. Il poliziotto risponde al fuoco uccidendo i due aggressori. L'Isis rivendica l'attacco, affermando che si trattava di due "soldati dello Stato islamico".
17 dicembre. 
-Due presunti militanti dell'Isis hanno accoltellato un agente di polizia a Grozny, in Cecenia, e hanno usato la sua pistola e un'auto rubata per uccidere tre agenti di polizia. Sebbene l'Isis non abbia rivendicato l'azione, il Dipartimento di Stato americano afferma che sono stati reclutati da un comandante Daesh in Siria e sono stati diffusi video in cui giuravano fedelta' al gruppo.
 

2017 - 24 marzo. 
-Un gruppo di sospetti affiliati all'Isis ha attaccato una postazione della Guardia nazionale russa a Grozny, provocando la morte di sei soldati e sei aggressori. L'Isis non ha rivendicato la responsabilita', ma gli Usa gli attribuiscono l'attentato
4 aprile. 
-Due agenti di polizia russi muoiono in una sparatoria nella citta' meridionale di Astrakhan, in un'azione poi rivendicata dall'Isis.
19 agosto. 
-Un giovane di 19 anni della città siberiana di Surgut vaga per le strade con un coltello e ferisce sette persone, prima di essere ucciso dalla polizia. L'attacco, rivendicato dall'Isis, e' avvenuto il giorno dopo attacchi simili avvenuti in Finlandia e Germania, dove diverse persone sono state accoltellate.
27 dicembre. 
-Un'esplosione in un supermercato della catena Perekriostok a San Pietroburgo, ferisce una ventina di persone. La bomba, che aveva una potenza equivalente a 200 grammi di trilite, non provoca gravi danni all'edificio. L'Isis  rivendica l'attentato.

2018 - 8 febbraio. 
-Un uomo armato spara indiscriminatamente all'esterno di una chiesa nella cittadina di Kizliar contro una folla di persone che celebravano la festa russa di Masletnisa, simile al Carnevale. Cinque persone muoiono e altre cinque rimangono ferite. Rivendicato lo stesso giorno dall'Isis.
Maggio. 
-L'Isis rivendica tre attacchi, uno a Neftekamsk, un altro a Nizhny Novgorod e un terzo in Daghestan. Affermano di aver attaccato agenti di polizia e un santuario sufi, senza fare vittime.
31 dicembre. 
-Un'esplosione in un edificio residenziale nella città russa di Magnitogorsk, negli Urali, provoca 39 morti. Al momento della tragedia si credeva che l'edificio fosse crollato a causa di un'esplosione di gas, ma giorni dopo l'Isis ne rivendica la responsabilita', affermando di aver ucciso 39 "crociati" russi.
 

2019 - 8 aprile. 
-Un'esplosione a Kolomna, vicino a Mosca, rivendicata dal'Isis non fa vittime.
1 luglio. 
-Un uomo uccide un agente di polizia con un coltello a un posto di blocco nel distretto ceceno di Achkhoy-Martonovsky e viene colpito a morte da un altro poliziotto. L'Isis rivendica l'attentato.  

Dopo la strage: soccorritori rimuovono le macerie nella sala a Mosca