Il punto

Ucraina, intelligence russa: "Macron invierà 2000 soldati francesi". Ma Parigi smentisce: "Fake"

Gli 007 russi sostengono che dopo le parole, il presidente Macron sarebbe pronto a passare ai fatti, con l'invio delle sue truppe in Ucraina. Quella base vicino al villaggio rumeno di Cincu dove sono di stanza soldati francesi dal 2022

Ucraina, intelligence russa: "Macron invierà 2000 soldati francesi". Ma Parigi smentisce: "Fake"
Ministero della difesa russo
Macerie, soldati in ritirata Il ministero della Difesa russo pubblica un video di Avdiivka dopo la battaglia

Prima l'annuncio "potremmo inviare soldati in ucraina", poi le precisazioni, ma ora gli 007 russi sostengono che dopo le parole, il presidente francese Emmanuel Macron sarebbe pronto a passare ai fatti, con l'invio delle sue truppe in Ucraina: "Sta preparando un contingente militare di 2.000 uomini", ha sottolineato il capo dei servizi d'intelligence esterni di Mosca, Serghei Naryshkin, dicendosi a conoscenza del piano francese per sostenere Kiev in caso di un'escalation da parte di Mosca. 

Quella base vicino al villaggio rumeno di Cincu dove sono di stanza soldati francesi dal 2022

Truppe francesi, nell'ambito dei dispositivi Nato a presidio delle zone di confine con l'Ucraina, sono già presenti dal 2022 in Romania, a due passi dal conflitto. Si tratta della “Missione Aigle”, una missione militare a guida francese schierata in Romania in seguito all'attivazione dei piani di risposta graduale da parte del Comandante supremo alleato in Europa, in risposta all'invasione russa dell'Ucraina nel 2022. A seguito di questa decisione la Francia aveva inviato truppe in Romania il 28 febbraio 2022 al fine di rafforzare la posizione deterrente e difensiva dell'Alleanza contro la Russia. 

Una cosa però, molto diversa dalla querelle su un intervento diretto con militari che sarebbero inviati da Parigi direttamente sul terreno dello scontro Russia_Ucraina, e che hanno allarmato alcune cancellerie europee.

La "minaccia" dei soldati occidentali
Non senza minacciare che i soldati occidentali diventerebbero "un obiettivo prioritario" dei russi. Ma Parigi smentisce categoricamente, bollando "la manovra orchestrata da Naryshkin" come un esempio "dell'uso sistematico della disinformazione da parte della Russia. Consideriamo questo tipo di provocazione irresponsabile", ha sottolineato il ministero della Difesa francese.

Putin: asse strategico con la Cina
Intanto, tra i primi atti di Vladimir Putin dopo la rielezione alla guida della Russia per altri sei anni vi sarà la conferma al massimo livello dell'asse strategico con la Cina attraverso una visita a Pechino in programma in maggio. Almeno secondo fonti citate dalla Reuters, mentre la notizia non viene confermata da nessuno dei due Paesi.

Putin ha esortato l'Fsb a dare la caccia ai "traditori": "Vi chiedo di non dimenticare chi sono. Li puniremo senza limiti di tempo"
 

L'accelerata nello sviluppo delle relazioni fra Pechino e Mosca è un fenomeno degli ultimi due anni, favorito dal conflitto in Ucraina e dalle conseguenti sanzioni economiche dei Paesi occidentali alla Russia, che cerca di rimediare con la crescita degli scambi e delle esportazioni energetiche verso oriente: con la Cina, appunto, e con l'India. Ma anche altri Paesi che hanno relazioni di amicizia con gli Usa e con la Ue hanno preservato i loro rapporti con Putin. Lo testimoniano i nuovi messaggi di congratulazioni ricevuti da Stati quali l'Arabia Saudita e il Kuwait, o l'Egitto.

L'avanzata russa, lenta ma che sembra inesorabile
Sul terreno, intanto continua lentamente l'avanzata russa nel Donbass ucraino, con la conquista di un altro centro abitato, quello di Orlovka, nei pressi della cittadina di Avdiivka, occupata dalle truppe di Mosca il mese scorso. 
 

Intensificati bombardamenti su Belgorod
Ma la Russia deve continuare a fare i conti con i bombardamenti ucraini sulla regione di confine di Belgorod, che solo nell'ultima settimana, secondo il governatore Vyacheslav Gladkov, hanno provocato 16 morti e un centinaio di feriti. Anche gravi, come una ragazza che ha perso un braccio. 

"Evacuare 9.000 bambini"
Le autorità hanno pertanto deciso di evacuare circa 9.000 bambini verso altre regioni. Putin ha detto intanto che "tutti i tentativi" di infiltrazione dall'Ucraina nella stessa regione di Belgorod e in quella di Kursk, rivendicati da gruppi paramilitari russi inquadrati nelle forze di Kiev, sono "falliti".

Colpi d'artiglieria, missili e droni ucraini su Belgorod: ora sono continui ed arrivano anche i morti
 

Débacle russa nel Mar Nero: sostituiti i vertici della marina
Altro tallone di Achille per Mosca sono gli attacchi alle sue navi della flotta nel Mar Nero, dove diverse unità sono state affondate dai droni marini ucraini. Ieri c'è stata la conferma di una voce circolata sui media recentemente secondo la quale il comandante della Marina, Nikolai Yevmenov, è stato rimosso.
 

L'ammiraglio Alexander Moiseev è stato infatti presentato come nuovo comandante ad interim durante una cerimonia in una base di sottomarini a Kronstadt, secondo quanto ha riferito la Tass.

Missione in Cina: interscambio record da 200 miliardi
Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, non ha né confermato né smentito la missione di Putin in Cina, limitandosi a dire che il presidente sta "preparando diverse visite e diversi contatti ad alto livello". Lunedì il leader cinese Xi Jinping era stato tra i primi a congratularsi con il capo del Cremlino per la rielezione, affermando che essa "riflette pienamente il sostegno del popolo russo" e sottolineando che Pechino "attribuisce una grande importanza alle relazioni bilaterali". Tra i due leader si è formata anche un'amicizia personale nei 42 incontri che hanno avuto negli ultimi dieci anni. Gli ultimi due lo scorso anno, quando Xi si è recato a Mosca in marzo e Putin ha ricambiato la visita a Pechino in ottobre. Sempre nel 2023 l'interscambio bilaterale è salito al livello record di oltre 200 miliardi di dollari. 
 

Putin: "Rapporti forti" con Pechino
Da parte sua Putin, parlando subito dopo la rielezione, ha definito "forti" i rapporti con Pechino, perché i rispettivi interessi nazionali "coincidono". Entrambi il leader hanno detto più volte di volere essere protagonisti di un cambiamento globale verso il "multilateralismo", sfidando quello che vedono come la volontà degli Usa di mantenere il ruolo di guida del mondo come unica potenza.
 

Vladimir Putin ha incontrato il capo di Stato cinese Xi Jinping, con una valigia con comandi nucleari Rai
Vladimir Putin ha incontrato il capo di Stato cinese Xi Jinping, con una valigia con comandi nucleari