Bloccati a 2.400 metri sulla Maiella, salvati due escursionisti nella notte

L'SOS nel pomeriggio di ieri, 3 aprile. I soccorritori hanno portato un giovane in ipotermia in ospedale in elicottero

Bloccati a 2.400 metri sulla Maiella, salvati due escursionisti nella notte
Tgr
Soccorso sulla Maiella

Sono stati salvati nella notte, quando ormai le luci erano calate sulla Maiella, a 2.400 metri di quota, i due giovani escursionisti rimasti bloccati nei pressi del Bivacco Fusco.

Uno dei due, in stato di ipotermia, è stato portato in ospedale a bordo di un elicottero HH139-B, abilitato al volo notturno, dell'Aeronautica Militare.

Dopo la chiamata di aiuto al 112 sono state immediatamente attivate le squadre del Soccorso alpino e speleologico Abruzzo, arrivate in zona insieme ai colleghi del Soccorso alpino della guardia di finanza per procedere con il lungo avvicinamento a piedi. Nel contempo era stata richiesta in centrale dal 118 la presenza del tecnico di centrale operativa del Cnsas: da Pratica di Mare è quindi decollato l'elicottero dell'Aeronautica. 

Tre soccorritori sono stati elitrasportati fino al bivacco, al cui interno c'era uno dei due escursionisti, preso in carico da un sanitario del Cnsas, mentre due tecnici sono scesi verso il secondo, che presentava chiari segni di ipotermia. Date le condizioni di quest'ultimo, ne è stato immediatamente predisposto il trasferimento in ospedale.

I tecnici sono tornati verso il bivacco per prestare assistenza all'altro escursionista che è stato poi prelevato in elicottero, come pure, con successive rotazioni, gli undici tecnici che si trovavano in un'area comoda per le operazioni di imbarco e sbarco, poco distante dal bivacco e a due ore dal campo base.