La maggioranza alla prova del voto

Daniela Santanchè e Matteo Salvini, oggi e domani la Camera affronta le mozioni di sfiducia

Per Santanchè la richiesta di dimissioni riguarda l'ipotesi di truffa ai danni dell'Inps. Per Salvini la sfiducia è relativa al rapporto tra la Lega e il partito di Putin, "Russia Unita"

Daniela Santanchè e Matteo Salvini, oggi e domani la Camera affronta le mozioni di sfiducia
ANSA
Matteo Salvini - Daniela Santanchè

Oggi verranno discusse in Parlamento due mozioni di sfiducia individuali per altrettanti ministri del governo Meloni. 

Il caso Santanchè

La prima mozione è per la ministra del turismo Daniela Santanchè e si lega alle indagini nei suoi confronti relative a Visibilia.

Secondo l'accusa, i 13 dipendenti della società sarebbero stati messi in cassa integrazione a zero ore a loro insaputa, continuando quindi l'attività lavorativa. Il fascicolo per truffa aggravata è nato in seguito alla denuncia di Federica Bottiglione, ex responsabile Investor Relations dell'azienda. Truffa aggravata per 126mila euro, dunque, nei confronti dell’Inps per una presunta gestione irregolare della cassa integrazione in deroga Covid. L'indagine è stata chiusa e ora si aspetta la decisione del Gup, il Giudice dell'Udienza Preliminare che potrà decidere se rinviare a giudizio Daniela Santanchè per i reati indicati dal PM.  

“Per la nostra Costituzione fino all’esito definitivo dei tre gradi di giudizio nessuno può essere considerato colpevole", ha detto nei giorni scorsi Daniela Santanchè: "Tuttavia, in sede politica, dopo la decisione del Gup, per rispetto del Governo e del mio partito, farò una seria e cosciente valutazione di questa vicenda che è comunque antecedente alla mia nomina a ministro."

Il caso Salvini

La seconda mozione di sfiducia, presentata delle opposizioni, è per il ministro delle Infrastrutture e vicepremier Matteo Salvini. 
L’esito di questa votazione non agita il governo. Il tema della mozione è il rapporto siglato dalla Lega e da Salvini con il partito di Vladimir Putin "Russia Unita", ma sono stati lo stesso Salvini e il suo partito ad affermare che quel rapporto è annullato nel momento in cui la Russia ha invaso l'Ucraina.