Migranti: Piantedosi, nessuna operazione salvifica dalle Ong

"Da noi nessun pregiudizio, ma il governo ha salvato migliaia di persone. Bisogna creare canali per un ingresso regolare"

Migranti: Piantedosi, nessuna operazione salvifica dalle Ong
Rainews
Il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi

"Delle circa 70 mila persone arrivate sulle coste, almeno 50 mila sono state salvate in mare dalla Capitaneria di porto e Guardia di Finanza e non capisco perché c'è questa negazione. Noi abbiamo l'orgoglio di aver dimostrato con i fatti, con le strutture pubbliche, di aver salvato decine di migliaia di persone".

Così il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, a Roma, all'evento Piazza Italia, organizzato dal coordinamento romano di Fratelli d'Italia a piazza Vittorio, rivendica il successo dell'azione di governo in tema di immigrazione e soccorso in mare.  "Se non ci sono le Ong le persone muoio in mare? Non è così. Non c'è una missione salvifica che possa esercitare qualcun altro che non esercitano le strutture pubbliche - ha sottolineato  - Il governo ha dimostrato che ove occorrente, proprio per garantire il salvataggio in mare del maggior numero possibile di persone, non ha nessun pregiudizio, anzi. Fa un ricorso assolutamente conforme alla normativa internazionale, per richiedere anche alle Ong di salvare le persone in mare", ha ribadito.

Per Piantedosi, occorre  "creare canali per un ingresso regolare. L'attuale governo ha sempre sostenuto che l'immigrazione può avere un ruolo importante, ma abbiamo segnato una netta separazione tra i canali regolari e le sanatorie. Lavoreremo sempre affinché l'arrivo indiscriminato, contro i trafficanti, possa essere fermato". Il ministro durante il suo intervento ha parlato anche della legge Bossi-Fini. “Non è stata altro che un'operazione normativa di riforma di una legge che si chiama Turco-Napolitano che prevedeva gli stessi capisaldi. La Bossi-Fini si distinse, tra l'altro, per la più grande sanatoria della storia, e proprio in base a quell'esperienza si è rivelata inefficace”.