Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/13mila-siti-internet-chiusi-negli-ultimi-2-anni-in-Cina-Cosi-Pechino-controlla-la-rete-9b6f9536-5587-4841-82b8-a6a8d7d556bd.html | rainews/live/ | true
TECH

I dati

13mila siti internet chiusi negli ultimi 2 anni in Cina. Così Pechino controlla la rete

Su 65 paesi studiati, la Cina ha una delle politiche piu' restrittive sul web davanti a Iran e Siria. L'internet locale e' incastonato in maniera drastica da un sistema ("il grande muro elettronico") che blocca i social network Facebook e Twitter, YouTube, Google, così come molti media occidentali

Condividi
La Cina ha chiuso o revocato la concessione di 13.000 siti internet dal 2015 a causa di violazioni delle drastiche norme che regolano l'uso del web: lo dichiara l'agenzia ufficiale Nuova Cina.

"Violazione dei protocollli di servizio"
Quasi 10 milioni di account Internet sono stati chiusi anche per "violazione dei protocolli di servizio", continua l'agenzia, probabilmente riferendosi agli account dei social network.

"Forte effetto deterrente"
"Queste azioni hanno un forte effetto deterrente", ha detto Wang Shengjun, vice presidente del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo.

La grande muraglia web
La Cina potrebbe avere la piu' grande popolazione di utenti internet al mondo, afferma un rapporto pubblicato nell'ottobre 2015 dalla Ong statunitense Freedom House. Sui 65 paesi studiati, la Cina aveva una delle politiche piu' restrittive sul web davanti a Iran e Siria. L'internet locale e' incastonato in maniera drastica da un sistema ("il grande muro elettronico") che blocca i social network Facebook e Twitter, YouTube, Google, cosi' come molti media occidentali. Anche le piattaforme cinesi come il sito Weibo o la famosa messaggistica di WeChat sono soggette a censura, i contenuti ritenuti "sensibili" vengono prontamente cancellati e alcune ricerche vengono bloccate.
Condividi