Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Addio-a-Ultra-Violet-amante-di-Salvador-Dali-e-superstar-di-Andy-Warhol-669704a6-492e-4453-b128-62aa60dc5ef8.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Morta a Manhattan a 78 anni

Addio a Ultra Violet, l'amante di Salvador Dalì e "superstar" di Andy Warhol

La sua vita è un'opera d'arte: attrice e scrittrice, vero nome Isabelle Collin Dufresne, a 20 anni fugge a New York dalla Francia e diventa la musa del re della Pop art che la sceglie come protagonista di 17 pellicole della Factory 

Condividi
Tutto il mondo la conosceva come Ultra Violet ma il suo vero nome è Isabelle Collin Dufresne. L'attrice e scrittrice francese icona e musa della Pop Art di Andy Warhol è morta in un ospedale di Manhattan all'età di 78 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dal "New York Times", ricordando che Dufresne viveva da tempo tra gli Stati Uniti e Nizza, in Costa Azzurra.

La migliore opera d'arte di Ultra Violet, come è stato scritto, è la sua vita stessa: nata Isabelle Collin Dufresne il 6 settembre 1935 a La Tronche, vicino a Grenoble, in Francia, sottoposta dalla sua famiglia a esorcismo a 15 anni, internata in una carcere minorile a 16, a 20 anni fugge a New York.

Diventa la musa del maestro del surrelismo Salvador Dalì, con cui inizia la sua eccentrica carriera; poi amica intima dei maggiori artisti americani dell'espressionismo astratto (Rauschenberg, Johns, Lichtenstein e Stella).

Nel 1964, nello studio di Dalì, avviene l'incontro decisivo con l'artista Andy Warhol, che da allora la sceglie per quasi tutti i suoi film: 17 sono le pellicole della Factory del re della Pop Art in cui Ultra Violet è protagonista. Fu incoronata da Warhol con i soprannomi di "Pop Icon" e "Superstar".

Animatrice del laboratorio The Factory di Warhol, Ultra Violet è autrice dell'autobiografia "Famous for Fifteen Minutes", bestseller tradotto in dodici lingue, in cui traccia un ritratto affettuoso del maestro americano. È stata in seguito attrice per John Schlesinger, Milos Forman, Norman Mailer, Woody Allen e James Ivory.

Dopo essere stata amante dell'artista statunitense Edward Ruscha, nel 1973 un
grave incidente segna una fondamentale cesura nell'esistenza e nella ricerca dell'artista. Dichiarata clinicamente morta, torna letteralmente alla vita, e dopo una lunga convalescenza si dedica allo studio dei testi sacri, in particolare della Bibbia. In seguito ha pubblicato un saggio sull'Apocalisse di San Giovanni Apostolo e si è dedicata alla pittura e alla scultura di opere a soggetto religioso.
Condividi