Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Alitalia-Ita-Fiumicino-Linate-Malpensa-sciopero-nazionale-autostrada-bloccata-Roma-Fiumicino-09c82e7e-d5f6-4749-ab20-7e767923eb15.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

La protesta

Alitalia, protesta lavoratori manda in tilt autostrada Roma-Fiumicino

Contro il piano industriale Ita presidi anche a Milano Linate e Milano-Malpensa 

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Nel giorno dello sciopero nazionale di 24 ore del Trasporto Aereo, la manifestazione dei lavoratori di Alitalia-Ita e del settore all'aeroporto di Roma Fiumicino, ha visto la gran partecipazione alla protesta di tutti i lavoratori di Alitalia, contro il piano industriale di Ita. Manifestazioni, presidi e sit-in si sono tenuti sia a Roma, all'aeroporto di Fiumicino che negli scali milanesi di Malpensa e Linate.

A Roma è stata bloccata per circa tre ore l'autostrada Roma-Fiumicino con i manifestanti che si sono seduti sull'asfalto della corsia in direzione dell'aeroporto. Ci sono stati alcuni viaggiatori che hanno tentato di raggiungere l'aeroscalo a piedi.

Attimi di tensione si sono registrati quando i manifestanti, circa duemila persone, hanno forzato il cordone delle Forze dell'Ordine per raggiungere l'autostrada. La Questura ha smentito che ci siano state cariche ai lavoratori, come riportato da alcuni organi di stampa.

Le proteste dei manifestanti sono coincise con lo sciopero nazionale del Trasporto Aereo di 24 ore, che ha visto "un'adesione molto alta, con punte del 100% in alcuni aeroporti", hanno sottolineato i sindacati. Molti sono i nodi da affrontare: dal blocco dei licenziamenti alle vertenze Ita-Alitalia ed Air Italy; le crisi delle compagnie Norwegian, Ernest e Blue Panorama; le vertenze aziendali del personale di terra e di volo; il rifinanziamento del Fondo Solidarietà Trasporto Aereo; l'applicazione del CCnl per tutto il settore; hanno spiegato Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti, rappresentando che per tutti questi motivi "la mobilitazione continua ad oltranza fino a quando non riceveremo risposte adeguate".

Maurizio Landini, leader della Cgil, è intervenuto nuovamente sulla vicenda Alitalia-Ita respingendo i licenziamenti e chiedendo all'azienda un piano industriale serio. Landini ha affermato: "È necessario applicare il contratto nazionale, avere un piano industriale serio e non è accettabile che chi ha il mandato per il governo di gestire questa trattativa con soldi pubblici pensi di poter licenziare, non applicare l'accordo e abbassare diritti e salari". "Vanno trovate soluzioni" ha dichiarato Landini.

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, in vista dell'incontro, in programma al dicastero del lavoro la prossima settimana, per affrontare il tema della cassa integrazione dei dipendenti Alitalia che non saranno assorbiti da Ita, ha precisato su Alitalia: "Ho convocato il tavolo con i sindacati per affrontare un pezzo del problema "cioè quello degli ammortizzatori sociali e per Ita "non posso che auspicare che ci sia una ripresa del confronto che riporti la situazione in un alveo". 

Il presidio che i manifestanti, dopo aver bloccato l'autostrada Roma-Fiumicino, avevano attuato davanti al Terminal partenze T3, dove in mattinata si è svolta la manifestazione organizzata dai confederali in occasione dello sciopero nazionale di 24 ore del Trasporto Aereo, è finito poco dopo le 17.30.

Otto gli agenti Reparto Mobile feriti durante manifestazione
È di otto agenti del Reparto Mobile feriti da schiacciamento il bilancio degli scontri di questa mattina quando i circa 2mila manifestanti di Alitalia hanno bloccato la Roma-Fiumicino e sfondato il blocco delle Forze dell'Ordine. Uno degli agenti feriti, tra gli otto agenti del I Reparto Mobile, sindacalista di Italia Celere, all'agenzia stampa Adnkronos ha rappresentato che: "Noi eravamo in 8 contro 2mila, ci hanno strattonato per levarci lo scudo e lo sfollagente". "Abbiamo tutti escoriazioni varie, contusioni, perché siamo arrivati a contatto per cercare di bloccarli, ma ne bloccavi uno e ne avevi addosso tre, quattro. Non abbiamo avuto paura, ma alla fine resta tanta amarezza perché la situazione è stata gestita male. È stata data l'opportunità  di fare un corteo a persone che stanno perdendo il lavoro, che deviano il percorso autorizzato aggredendo forze di Polizia che sono lì per lavorare".
Condividi