Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Alitalia-crescita-settore-intercontinentale-ricavi-liquidita-Stefano-Patuanelli-Mise-Enac-07e30a0a-5b5b-4374-8f2d-cf27cbc142cf.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Alitalia, a settembre continua la crescita del settore voli di lungo raggio

La Compagnia aerea sulle rotte intercontinentali, sempre nel mese di settembre, ha avuto un incremento dei ricavi pari all'1,8%

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Per Alitalia continuano a crescere, a settembre, per il ventitreesimo mese consecutivo, i ricavi e i passeggeri relativi al settore intercontinentale della compagnia.

Alitalia ha registrato sulle rotte intercontinentali un incremento dei ricavi pari all'1,8% ed un aumento dei passeggeri trasportati del 3,6% a confronto con lo stesso mese del 2018. A settembre i passeggeri trasportati sono stati 267.575. Per quanto riguarda il fatturato da traffico passeggeri è pari a 259,7 milioni di euro (-2,7% sullo stesso mese del 2018), in tenuta rispetto alla riduzione della capacità sui voli domestici (-11,2%) legata principalmente alla chiusura dell'aeroporto di Milano Linate per lavori.

Complessivamente Alitalia ha trasportato nel mese, 1.951.191 passeggeri, con un tasso di riempimento degli aerei pari all'81,6%, in leggera crescita rispetto al settembre 2018.

Nei primi nove mesi del 2019, i ricavi da traffico passeggeri hanno visto un aumento dell'1,4% rispetto all'anno precedente, in virtù proprio delle ottime performance del settore intercontinentale che ha registrato, nello stesso periodo, un incremento dei ricavi pari al 4,3%. 

Per quanto attiene la liquidità al 30 settembre, era pari a 310 milioni di euro (a cui va aggiunto il deposito presso la IATA), contro i 361 milioni di euro di fine agosto. La riduzione di 51 milioni di euro è dovuta principalmente alla diminuzione del volume di biglietti prepagati, in linea con la normale stagionalità del settore.

Nel periodo gennaio-settembre di quest'anno Alitalia si conferma la seconda compagnia aerea più puntuale in Europa con l'82,5% dei voli atterrati in orario. Lo certifica FlightStats, autorevole società indipendente Usa che stila la classifica della puntualità dei principali vettori mondiali, confrontando i dati di compagnie paragonabili per dimensioni e network. 

Nonostante gli ottimi risultati e l'offerta della Compagnia Delta che punta ad investire circa 100 milioni di euro (109,8 milioni di dollari) per l’operazione di rilancio della Newco, il salvataggio della compagnia aerea resta in forse. Il ministro Stefano Patuanelli ha chiuso alla possibilità di un nuovo prestito-ponte e mantiene ferma la data del 15 ottobre come scadenza per la presentazione dell'offerta vincolante da parte di Fs.

Intanto l'Enac, l'Autorità dell'aviazione civile italiana, ha affidato ad Alitalia i diritti di traffico per volare sull'aeroporto di Tokyo Haneda a partire dal 29 marzo 2020. A partire da questa data il collegamento giornaliero Roma-Tokyo di Alitalia atterrerà e decollerà dall'aeroporto di Haneda, che si trova a circa 20 chilometri a sud della capitale del Giappone, invece che dallo scalo di Narita, situato a circa 70 chilometri a est di Tokyo. Per i passeggeri Alitalia - sottolinea la Compagnia in una nota - i tempi di trasferimento con la città si ridurranno enormemente, anche grazie alla fitta rete di trasporti pubblici con cui è servito l'aeroporto di Haneda.

Intanto, il Cda di Atlantia, riunitosi oggi, "ha esaminato l'avanzamento del dossier Alitalia e si è riconvocato per il prossimo 5 ottobre per le delibere inerenti". E' quanto si legge in una nota.
Condividi