Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Alluvione-Livorno-d59e9510-a5bf-436f-98b3-57605f738c16.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Udienza preliminare per gennaio 2020

Alluvione Livorno, chiesto processo per l'ex sindaco Filippo Nogarin

Per omicidio colposo. Richiesta anche per l'ex capo protezione civile 

Condividi
La procura di Livorno ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex sindaco Filippo Nogarin e per l'ex responsabile della protezione civile comunale ed ex comandante della polizia municipale della città toscana Riccardo Pucciarelli per l'inchiesta sul'alluvione che colpì Livorno nella notte tra il 9 e il 10 settembre 2017, causando otto morti. Concorso in omicidio colposo plurimo l'ipotesi di reato contestata. L'udienza preliminare è stata fissata per gennaio 2020.  

L'inchiesta venne aperta il giorno dopo l'improvvisa ondata di maltempo che scaricò una quantità d'acqua incredibile su Livorno, all'epoca guidata da Nogarin. Morte e devastazione arrivarono da tre torrenti 'tombati': acqua, fango e detriti invasero le case che si trovavano lungo i loro corsi e portarono via 8 persone tra le quali Filippo, un bimbo di 4 anni, i suoi genitori e il nonno. Le indagini, inizialmente contro ignoti, portarono poi, nel gennaio 2018, al coinvolgimento di Nogarin, all'epoca sindaco della città toscana: a rivelarlo era stato lo stesso ex primo cittadino su Fb, spiegando di essere stato interrogato dai pm della procura livornese guidata dal procuratore Ettore Squillace Greco. Nel dicembre dell'anno scorso poi l'avviso di chiusura delle indagini a cui sono seguiti altri accertamenti richiesti dai due indagati. 

"Mi dicono i giornalisti - scrive Nogarin su Facebook - che oggi la procura di Livorno avrebbe chiesto al gip di rinviarmi a giudizio per quanto successo il 10 settembre di due anni fa, quando un'alluvione senza precedenti ha messo in ginocchio mezza città e soprattutto ha provocato la morte di 8 miei concittadini. C'è voluto un po' di tempo evidentemente per arrivare a questa decisione, visto che le indagini si sono chiuse esattamente 9 mesi fa. In ogni caso, per certi versi sono sollevato: finalmente sarà un giudice terzo e dunque indipendente a valutare i fatti e i documenti e ad esprimersi sul mio operato. Perché tutti i cittadini di Livorno, a cominciare da chi in quelle ore ha perso un conoscente, un amico, un familiare, hanno il diritto di avere giustizia. E io continuo a credere profondamente nella giustizia".
Condividi