Original qstring: print | /dl/rainews/articoli/Amnesty-sugli-ultimi-il-peso-della-pandemia-Abbiamo-fallito-coronavirus-05f7c8dd-8127-41b1-9b1c-0555bdc6f0de.html | rainews/live/ | true
Rai News
MONDO

Il rapporto annuale 2020/2021

Amnesty. Il mondo ha fallito: sugli ultimi il peso della pandemia

I leader mondiali hanno sfruttato la crisi e minato i diritti umani. Adesso distribuire vaccini a tutti e in modo equo

La pandemia globale ha messo in luce la terribile eredità di politiche deliberatamente divisive e distruttive che hanno perpetuato disuguaglianza, discriminazione e oppressione e hanno aperto la strada alla devastazione causata dal COVID-19.

Amnesty International nel suo rapporto annuale punta il dito sui governi e sui leader mondiali e su decenni di decisioni politiche discriminatorie che hanno riversato il "devastante peso" della pandemia sugli ultimi, gli emarginati, rifugiati, donne. E poi operatori sanitari, i lavoratori migranti e in prima linea, traditi da sistemi sanitari trascurati e da un supporto economico e sociale irregolare.

Inoltre, la risposta alla pandemia globale è stata ulteriormente minata dai leader che hanno sfruttato spietatamente la crisi e hanno utilizzato il COVID-19 come arma per lanciare nuovi attacchi ai diritti umani, sostiene l'organizzazione.

“Il COVID-19 ha brutalmente smascherato e approfondito la disuguaglianza sia all'interno che tra i paesi, e ha evidenziato lo sbalorditivo disprezzo dei nostri leader per la nostra umanità. Decenni di politiche divisive, misure di austerità sbagliate e scelte dei leader di non investire in infrastrutture pubbliche fatiscenti, hanno lasciato troppe persone in balia di questo virus ", ha detto Agnès Callamard, nuovo Segretario generale di Amnesty International.

Adesso la sfida più grande è quella dell'equità dei vaccini per porre fine a una pandemia che colpisce in modo sproporzionato i più vulnerabili del mondo.

Nella prefazione al rapporto di Amnesty, Callamard scrive anche che il sistema fiscale globale ha prodotto più perdenti che vincitori: "La tassazione globale è un modo per riequilibrare l'uguaglianza '', ha affermato. "È un modo per garantire che non siano sempre coloro che hanno di meno a dover dare di più''.

L'impatto del Covid sui migranti
La pandemia ha peggiorato la già precaria situazione di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in molti paesi, intrappolandolo in campi profughi, tagliando rifornimenti vitali o intensificando i controlli alle frontiere. L'Uganda, che ospita 1,4 milioni di rifugiati, ha immediatamente chiuso i suoi confini all'inizio della pandemia e non ha fatto eccezione per i rifugiati e i richiedenti asilo che cercavano di entrare nel paese. Di conseguenza, oltre 10.000 persone sono rimaste bloccate lungo il confine con la Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Violenza domestica
Nel rapporto si evidenzia un marcato aumento della violenza di genere e domestica a causa delle restrizioni della libertà di movimento e il venir meno di una rete di supporto per le vittime costrette e isolate con i loro carnefici

Operatori sanitari
In molti hanno sofferto a causa dei sistemi sanitari intenzionalmente trascurati. “Stiamo raccogliendo i risultati di anni di calcolata negligenza da parte dei nostri leader. Nel 2020, i sistemi sanitari sono stati messi alla prova finale e le persone sono state abbandonate. Gli eroi del 2020 sono stati gli operatori sanitari in prima linea che hanno salvato vite umane, proprio loro che sono in fondo alla scala del reddito. Crudelmente, quelli che hanno dato di più, sono stati protetti di meno”, ha detto Agnès Callamard.

Diritti umani
C'è poi chi ha sfruttato il Covid per limitare i diritti umani. Molti leader hanno visto nella pandemia un'opportunità per rafforzare il proprio potere. In Ungheria, ad esempio, il governo del primo ministro Viktor Orbán ha modificato il codice penale del paese, introducendo pene detentive fino a cinque anni per "diffusione di informazioni false" su COVID-19.
In tutti gli stati del Golfo in Bahrain, Kuwait, Oman, Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti le autorità hanno utilizzato la pandemia COVID-19 come pretesto per continuare a sopprimere il diritto alla libertà di espressione, anche perseguendo individui che hanno pubblicato commenti sui social media sulle risposte del governo alla pandemia, per aver diffuso “false notizie”.

Altri leader hanno usato una forza eccessiva. Nelle Filippine, il presidente Rodrigo Duterte ha detto di aver ordinato alla polizia di sparare ai manifestanti o a chi avrebbe potuto causare “problemi” durante le misure di quarantena. In Nigeria, le forze di sicurezza hanno avuto l'ordine di uccidere chi protestava per rivendicare i propri diritti. Sotto il presidente Bolsonaro, la violenza della polizia in Brasile è aumentata. Almeno 3.181 persone sono state uccise dalla polizia in tutto il paese tra gennaio e giugno, una media di 17 morti al giorno.

Alcuni leader sono andati oltre, perpetrando violazioni dei diritti umani mentre lo sguardo dei media mondiali era altrove. Ad esempio, in India, Narendra Modi ha represso gli attivisti della società civile, anche con incursioni antiterrorismo nelle loro case.

Sotto il presidente Xi Jinping, il governo cinese ha continuato la persecuzione degli uiguri e di altre minoranze musulmane nello Xinjiang senza sosta e ha censurato e perseguitato gli operatori sanitari e i giornalisti in Cina che hanno tentato di lanciare subito l'allarme sul virus, sopprimendo informazioni cruciali. A Hong Kong è stata introdotta una legge sulla sicurezza nazionale che legittima la repressione per motivi politici..

I leader dei paesi ricchi, come l'ex presidente Trump, eludendo gli sforzi di cooperazione globale, hanno acquistato la maggior parte della fornitura mondiale di vaccini, senza spingere le aziende farmaceutiche a condividere le loro conoscenze e tecnologie per aumentare la fornitura di vaccini COVID-19 globali.

Il G2O si offre di sospendere i pagamenti del debito dei paesi più poveri, ma chiede che il denaro venga rimborsato in seguito con gli interessi.

Vaccini per tutti
“L'unico modo per uscire da questo pasticcio è attraverso la cooperazione internazionale. Gli Stati devono garantire che i vaccini siano rapidamente disponibili per tutti, ovunque e gratuiti al momento dell'uso. Le aziende farmaceutiche devono condividere le proprie conoscenze e tecnologie in modo che nessuno venga lasciato indietro. I membri del G20 e le istituzioni finanziarie internazionali devono fornire la cancellazione del debito ai 77 paesi più poveri per rispondere e riprendersi dalla pandemia ", ha detto ancora Callamard.

I nuovi leader sono le persone in marcia
Le politiche regressive hanno ispirato molte persone a unirsi come è accaduto con il movimento Black Lives Matter negli Stati Uniti, le proteste #End SARS in Nigeria e nuove e creative forme di protesta come gli scioperi virtuali per il clima. Il rapporto descrive in dettaglio molte importanti vittorie che gli attivisti per i diritti umani hanno contribuito a ottenere nel 2020, in particolare contro la violenza di genere. Come la nuova legislazione per contrastare la violenza contro donne e ragazze in Kuwait, Corea del Sud e Sudan e la depenalizzazione dell'aborto in Argentina, Irlanda del Nord e Corea del Sud.