Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ars-deputati-sicilia-green-pass-d5bafd6a-9960-4161-9730-57ebcc159db6.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Il caso a Palermo

Non esibiscono il green pass a Palazzo dei Normanni, due deputati siciliani denunciano: "E' abuso"

Entrambi in possesso di green pass, in quota M5s dell'Assemblea siciliana, considerano "un abuso" il divieto d'ingresso alla sede dell'assemblea siciliana e dicono: "La nostra è una battaglia di principio" 

La macchina dei deputati al varco d'ingresso
Condividi
Stamani si sono rifiutati di esibire il green pass per entrare a Palazzo dei Normanni e come vuole il regolamento è stato impedito loro l'ingresso alla sede dell'Assemblea siciliana. Poi hanno deciso di formalizzare la denuncia "per abuso" alla Questura di Palermo. Si tratta di due deputati regionali Angela Foti, vice presidente dell'assemblea siciliana, e Sergio Tancredi, capogruppo di Attiva Sicilia, entrambi in quota Movimento 5 Stelle.

Stamane in Piazza Parlamento erano stati respinti al varco d'ingresso principale da dove si accede in auto a Palazzo, sia dai vigilantes che dagli assistenti parlamentari. Tancredi ha chiamato subito il 112 per denunciare quello che giudica "un abuso". "Mi rifiuto di presentarlo, la questione è giuridica - dice - io sono stato eletto dal popolo, mi si impedisce, con un provvedimento amministrativo, di svolgere le mie funzioni parlamentari di rappresentanza". 

Anche la collega Foti ha mostrato di avere il green pass ma ha deciso di non esibirlo. "Ho fatto il tampone - spiega - e l'ho fatto per sgomberare il campo da eventuali illazioni perché serve per poter lavorare. La nostra è una battaglia di principio". Tancredi, anche lui in possesso di green pass, ha riferito di avere diffidato nei giorni scorsi l'amministrazione e l'ufficio di questura dell'Ars."Ho chiesto di aumentare a palazzo i livelli di sicurezza mettendo a disposizione tamponi brevi, così come fanno molte aziende private. Avere green pass non significa non avere il virus, per cui se la questione è sanitaria si deve procedere in modo diverso". Foti riferisce che la segreteria generale dell'Ars ha risposto alla richiesta del deputato Tancredi sostenendo di applicare i provvedimenti nazionali.  
Condividi