Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Atletica-un-corridore-aiuta-un-compagno-ad-arrivare-al-traguardo-224d13fb-bc16-4948-8ccd-fee6414baea3.html | rainews/live/ | true
SPORT

Busby non si è sentito bene, ad aiutarlo il guineense Dabò

Mondiali Atletica, il corridore rivale sta male ma lo accompagna al traguardo

È successo nella rassegna iridata in Qatar. I due sono arrivati nelle ultime posizioni

Condividi
Al corridore della Guinea-Bissau non interessava finire la gara. A Braima Suncar Dabò importava solo che il collega Jonathan Busby, nazionale Aruba - isola caraibica vicino al Venezuela -, tagliasse il traguardo nonostante si fosse sentito male. E così Dabò si è caricato il compagno sotto braccio e lo ha accompagnato fino alla fine dei 5000 metri.



È successo nei mondiali di atletica leggera in Qatar, iniziati il 27 settembre e in programma fino al 6 ottobre. Nel Khalifa International Stadium erano 20 i corridori in gara, durata per 18 partecipanti tra i 13 e i 14 minuti. Per Dabò invece la batteria è durata più di 18 minuti per aiutare il compagno, sentitosi male e crollato a qualche centinaia di metri dal traguardo. 

“Non è arrivato fin qui per abbandonare la gara, ma per finirla. Qualsiasi atleta in quella situazione avrebbe fatto la stessa cosa: aiutare qualcuno che, come me, rappresentava il suo Paese, era la cosa da fare” spiega Dabò.

Sono arrivati nelle ultime due posizioni della batteria, ma per i corridoi il risultato non è importante. I tanti tifosi guineensi presenti sulle tribune hanno festeggiato come una vittoria il gesto del loro connazionale. Tagliato il traguardo, Busby è stato soccorso e nella classifica finale risulta squalificato. Ma mai si scorderà del suo arrivo nella prima partecipazione a un mondiale di atletica leggera. E mai smetterà di ringraziare il suo salvatore Dabò.
Condividi