Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Bce-Christine-Lagarde-prospettive-economia-migliorano-crescita-accelera-audizione-Parlamento-europe-84ef678d-4b22-445e-b99b-e5c425097c77.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Audizione

Bce, Lagarde: prospettive economia migliorano e la crescita accelererà

Nella seconda metà del 2021 previsto il rimbalzo dei consumi e degli  investimenti nelle imprese. Il sostegno all'economia vi sarà fino a ripresa ben avviata

Condividi
di Tiziana Di Giovannandrea Christine Lagarde, presidente della Bce, ascoltata dal Comitato per gli Affari economici e monetari del Parlamento europeo ha evidenziato come si prevede che da questo trimestre vi sarà un'accelerazione dell'economia perché le prospettive migliorano: "Le prospettive per l'economia stanno davvero migliorando man mano che la situazione pandemica migliora, le campagne di vaccinazione vanno avanti e la fiducia inizia a crescere". Lagarde ha spiegato che alla Bce "ci attendiamo che l'attività economica si rafforzi nettamente" nell'area euro "nella seconda metà del 2021, sostenuta da un solido rimbalzo delle spese per consumi e da solidi investimenti delle imprese". Inoltre "Prevediamo che l'attività economica accelererà a partire da questo trimestre, grazie al sostegno dello stimolo fiscale e monetario e a un vigoroso rimbalzo dell'attività dei servizi in particolare. 

Fatti buoni progressi su revisione strategia
La presidente della Bce commentando, poi, l'esito del ritiro annuale del Consiglio direttivo dell'Eurotower, tenutosi nel fine settimana, ha rappresentato che: "Sono lieta che siamo stati in grado di avere discussioni approfondite e abbiamo fatto buoni progressi nel plasmare le caratteristiche concrete della nostra futura strategia di politica monetaria". Si è trattato del primo incontro di persona dal marzo 2020 ed è stato l'occasione, spiega una nota, per "portare avanti le discussioni sulla revisione della strategia di politica monetaria", che hanno coinvolto tra gli altri i seguenti temi: la definizione e la misurazione della stabilità dei prezzi, la cornice analitica sottostante, l'orientamento a medio termine, il ruolo del cambiamento climatico nella formulazione della politica monetaria e la modernizzazione della comunicazione". Il Consiglio direttivo della Bce renderà pubblico l'esito della revisione strategica dopo aver assunto decisioni formali.

Inflazione aumenterà ma fattori temporanei
Sempre al Comitato per gli Affari economici e monetari del Parlamento europeo, Lagarde ha precisato: "L'inflazione è aumentata negli ultimi mesi nell'area dell'Euro, in gran parte a causa di fattori temporanei, tra cui forti aumenti dei prezzi dell'energia. L'inflazione complessiva dovrebbe aumentare ulteriormente verso l'autunno, continuando a riflettere fattori temporanei e una stretta monetaria ora sarebbe prematura". Per quanto riguarda gli effetti dell'aumento dell'inflazione negli Usa, la presidente della Bce ha chiarito: "Gli effetti internazionali dell'inflazione americana possono essere amplificati se le persone nell'area euro fondano le loro aspettative anche sulla base di ciò che accade negli Stati Uniti, complessivamente però gli effetti sull'inflazione Eurozona sono attesi essere moderati. Lagarde ha anche detto che "i rischi che circondano le prospettive di crescita sono diventati ampiamente equilibrati: mentre quelli di peggioramento dipendono dalle mutazioni del virus e continuano a essere una fonte di pericolo, quelli di miglioramento hanno a che fare con migliori prospettive della domanda globale e con l'aumento più rapido della spesa per consumi che potrebbero risultare in una ripresa più forte".

Sostegno economia vi sarà fino a ripresa ben avviata, evitare ritiro prematuro
"Con la ripresa che guadagna slancio, dobbiamo restare vigilanti e assicurare che il sostegno di policy continui a garantire una copertura dalla pandemia fino a che la ripresa sarà ben avviata" ha anche affermato la presidente della Bce, Crhistine Lagarde, durante l'audizione al Parlamento europeo. "Bisogna evitare un ritiro prematuro", ha ribadito.

Patto di stabilità va aggiornato, altrimenti Banca Centrale sarà sola
Il patto di stabilità va aggiornato perché altrimenti la Banca Centrale si ritroverà sola sui mercati. Lo ha indicato Lagarde all'Europarlamento. "Ci sono ragioni per aggiornare il patto di stabilità perché rispetto al momento dell'avvio dell'Unione monetaria il contesto macroeconomico è cambiato sostanzialmente e ora abbiamo bisogno di regole di bilancio credibili, flessibili, controcicliche". Se così non avverrà la Banca Centrale resterà sola, 'the only game in town' (l'unico giocatore in campo, ndr). Lagarde ha rivendicato il fatto che il durante la crisi di pandemia da Coronavirus politica monetaria e politica di bilancio sono risultate allineate. La presidente Bce ha poi detto che il sostegno delle politiche di bilancio, così come il sostegno della politica monetaria, 'servirà ancora' e che 'un irrigidimento 'fiscale' sarebbe prematuro. Lagarde non è entrata nel merito della riforma delle regole di bilancio e ha insistito fortemente sulla semplificazione e sulla credibilità del quadro di regole.
Condividi