Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Bilancio-Ue-Sassoli-proposta-inaccettabile-3b405ed0-47d5-4a5c-a5a8-66b18f7950e2.html | rainews/live/ | true
EUROPA

Bruxelles

Bilancio Ue, Sassoli: proposta inaccettabile

Il presidente dell'Europarlamento: l'assemblea non voterà un accordo qualsiasi

Condividi
"La proposta presentata è inaccettabile e non verrà votata dal Parlamento Ue, è insufficiente a finanziare gli impegni indicati dalla Commissione": lo ha detto il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, dopo aver presentato la posizione dell'Assemblea ai leader riuniti nel Consiglio europeo sul bilancio pluriennale.

"Abbiamo grande rispetto per il ruolo del Consiglio e attendiamo con interesse la proposta che formulerà per poter negoziare sulla base di un testo che tenga conto delle indicazioni del Parlamento europeo. A tal proposito sento il dovere di affermare davanti a voi che il Parlamento non accetterà un accordo qualsiasi. Esiste una larghissima maggioranza pronta a rigettare qualsiasi proposta che non tenga in debito conto delle sue posizioni", ha aggiunto Sassoli, intervenendo alla riunione straordinaria del Consiglio europeo. "Si tratta di un calcolo fondato sulle esigenze dell'Unione, sugli impegni assunti dalla nuova Commissione e dall'agenda strategica del Consiglio. Senza budget aggiuntivo, il Green Deal, la transizione digitale e l'Europa geopolitica rimarranno una scatola vuota", ha spiegato. "Dobbiamo dotare l'Unione di tutti i mezzi necessari per le sfide che abbiamo deciso di affrontare. La prima e la più urgente riguarda ovviamente i cambiamenti climatici. Il Green Deal offre un percorso ambizioso affinché l'Europa possa diventare nel 2050 il primo continente a zero emissioni di gas serra. Servono risorse per la crescita e lo sviluppo, e per accompagnare paesi, imprese, e cittadini in questa transizione. Vogliamo risorse perché l'Europa sia sempre all'avanguardia, in materia di ricerca e non si riduca a importare nuove tecnologie al cui sviluppo non avrà contribuito". 

"Per il Parlamento europeo, i tagli proposti su agricoltura e coesione sono inaccettabili - ha aggiunto - Come potremo accorciare le distanze tra centro e periferia, se riduciamo i fondi per la coesione, oppure come potremo sviluppare un'Europa verde se non investiamo nell'agricoltura?". "E' interesse di tutti rompere la dicotomia artificiale tra contribuenti e beneficiari: tutti gli Stati membri, senza eccezioni, traggono vantaggi dall'Ue. Tutti hanno grandi benefici dal bilancio europeo e ancora di più dal mercato unico, di cui il bilancio è una componente fondamentale." "Il Parlamento richiama la necessita' di porre in essere un nuovo meccanismo di condizionalità in grado di proteggere il bilancio dell'Unione quando le regole dello Stato di diritto non sono rispettate e si verifica una violazione sistematica del quadro dei valori europei".
"Ringrazio il Presidente Michel per l'attenzione al tema delle risorse proprie per il bilancio dell'UE - ha concluso Sassoli - per la prima volta in più di 40 anni potrebbero finalmente essere introdotte nuove categorie di entrate. Il paniere proposto deve essere ampliato ed è essenziale fissare un calendario ragionevole per la sua attuazione ma almeno vediamo un passo nella direzione che il Parlamento europeo ha sempre auspicato". 
Condividi