Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Black-Lives-Matter-proteste-contro-violenza-polizia-e-razzismo-New-York-vieta-presa-al-collo-4eef86c0-7a47-41f3-9290-128a76caed9f.html | rainews/live/ | true
MONDO

George Floyd e gli altri

Black Lives Matter, proteste contro brutalità polizia e razzismo. New York vieta la presa al collo

In piazza negli Usa e in Francia. Parigi blindata, 15.000 a place de la République, 12 fermi. A Londra estrema destra in 'difesa' dei monumenti, tensioni con la polizia. Le proteste antirazziali arrivano anche in Africa: oltre 50 paesi hanno chiesto all'Onu di "discutere urgentemente" del tema del razzismo e delle violenze commesse dalla polizia. Video shock in Canada, Trudeau: polizia da riformare. Ad Atlanta, intanto, nuovo caso di afroamericano ucciso durante l'arresto

Condividi

Continuano le proteste negli Stati Uniti, dopo l'uccisione dell'afroamericano George Floyd da parte della polizia. Oltre 60mila persone sono scese in piazza a Seattle sotto una pioggia battente per una "Silent Black Lives Matter March", molti tenendo in mano cartelli contro il razzismo e la violenza degli agenti.Intanto, il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha promulgato la legge che riforma la polizia, approvata dal Parlamento statale, in cui si vieta la presa al collo come tecnica per immobilizzare le persone e si rimuove la norma che impediva che fosse resa pubblica la cattiva condotta degli agenti; la riforma è stata voluta e votata proprio dopo la morte di Floyd.

Da parte sua il presidente Donald Trump, intervistato da Fox News, ha detto che "in generale" sostiene il divieto di ricorrere alla presa al collo come tecnica per immobilizzare le persone, ma ha aggiunto che potrebbe essere necessario usarla in situazioni pericolose.

Nelle stesse ore, un altro afroamericano è rimasto vittima della polizia. Rayshard Brook, 27 anni, è morto ad Atlanta dopo essere stato ferito a colpi d'arma da fuoco da un agente dopo aver opposto resistenza all'arresto. Secondo quanto riferito dai media americani, la polizia è intervenuta dopo essere stata allertata da una telefonata proveniente dal ristorante Wendy's, che denunciava la  presenza di Brooks, addormentato in un parcheggio. Sottoposto all'alcol test, che non ha superato, gli agenti hanno  tentato di arrestarlo, ma lui ha opposto resistenza, impossessandosi  di un taser in dotazione ai poliziotti, hanno raccontato i testimoni.  A quel punto, uno degli agenti ha sparato, ferendo il giovane.  Trasportato in ospedale, Brooks è morto poco dopo. La scena è stata  ripresa in un video, che gira sui social e che mostra quanto avvenuto  la notte scorsa.

Le proteste antirazziali sono intanto arrivate anche in Africa. Oltre 50 paesi africani hanno chiesto al Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani di "discutere urgentemente" del tema del razzismo e delle violenze commesse dalla polizia.

Trudeau: razzismo sistemico, polizia Canada da riformare
La polizia del Canada soffre di un "razzismo sistemico" e deve essere riformata: il premier canadese, Justin Trudeau è tornato sulla questione, su cui si era già pronunciato dopo il caso Floyd, chiedendo di accelerare sulla riforma delle forze di polizia.

Lo spunto sono le drammatiche immagini di un video che mostra un agente a cavallo aggredire brutalmente un indigeno. Trudeau ha definito "orribile" il video in cui il leader della comunità indigena, Allan Adam, viene speronato da un agente di polizia a cavallo e una volta a terra, picchiato più volte. "Abbiamo visto tutti il video orribile dell'arresto del capo Adam e dobbiamo andare fino in fondo. Come molte persone, ho interrogativi su ciò che è accaduto. Le indagini indipendenti devono essere trasparenti e condotte in modo che diano risposte", ha affermato il primo ministro canadese. 

Parigi blindata, 15mila a Place de la Republique, 12 fermi
La polizia di Parigi ha ordinato la chiusura di ristoranti e negozi, appena riaperti dopo l'emergenza coronavirus. La marcia tra Place de la Republique nella parte orientale di Parigi e il teatro dell'opera si appresta a diventare la più grande di numerose manifestazioni tenute in Francia questo fine settimana e ispirata al movimento Black Lives Matter.

15mila le persone radunate a place de la République. Nella piazza non rispettata la regola di distanziamento e continue cariche della polizia, lancio di sassi e sampietrini contro gli agenti e risposta con una pioggia di lacrimogeni. Gruppi di black-bloc tentano lo sfondamento in direzione del percorso previsto dai manifestanti, ma non autorizzato, verso place de l'Opèra. A gruppi, quando si placano gli scontri, i manifestanti si inginocchiano e intonano slogan contro la polizia, per Adama Traoré e George Floyd.

Adama Traoré era un ragazzo francese di colore, morto in custodia di polizia nel 2016, in circostanze che rimangono poco chiare nonostante quattro anni di indagini. Sulla scia della morte di Floyd e delle proteste globali, il governo francese è stato sottoposto a crescenti pressioni per affrontare le accuse a lungo termine di eccessiva violenza da parte della polizia, in particolare contro le minoranze. Il ministro degli Interni, Christophe Castaner, ha promesso questa settimana di sradicare il razzismo e ha annunciato il divieto per la polizia di usare strozzatori durante gli arresti. D'altro canto, i sindacati di polizia francesi hanno tenuto le manifestazioni, dicendo di essere stati ingiustamente etichettati come razzisti a causa di pochi agenti con posizioni estremiste e di non avere abbastanza strumenti per affrontare i sospetti violenti. Dopo l'incontro con i rappresentanti sindacali, Castaner ha dichiarato che la polizia inizierà a sperimentare l'uso allargato di pistole stordenti in futuro, nonostante le preoccupazioni per la loro sicurezza.

Londra introduce limiti
La polizia di Londra ha imposto limiti  alle manifestazioni del movimento Black Lives Matter dopo le imponenti proteste di ieri in tutto il Paese denunciando che assembramenti di  più di sei persone sono in violazione delle norme per evitare nuovi  contagi di Covid-19. Tutte le iniziative dovranno terminare per le cinque del pomeriggio  (ora locale). Il Premier Boris Johnson aveva denunciato che le  proteste erano state "prese come ostaggio dagli estremisti violenti". Il comandante della polizia metropolitana Bas Javid ha detto di  "comprendere il motivo per cui le persone vogliono fare sentire la  propria voce, ci sono emozioni molto forti nelle comunità, ma la direttive del governo sono quelle relative alla pandemia e viene  chiesto alle persone di non riunirsi in gruppi esteti".

Estrema destra a 'difesa' dei monumenti, tensioni con le forze dell'ordine
Momenti di tensione tra estremisti di destra e polizia a Londra dove i nazionalisti britannici si erano dati appuntamento per una manifestazione "in difesa dei nostri monumenti". Lo riporta la Bbc.

L'altra protesta programmata nella capitale britannica,quella del movimento Black Lives Matter, che nei giorni scorsi aveva anche visto episodi di violenza contro alcune figure storiche del Regno Unito, era stata annullata dagli organizzatori per evitare lo scontro con i gruppi di estrema destra.

Tra i manifestanti oggi anche Paul Golding, leader di Britain First, e gruppi di tifosi di calcio provenienti da tutto il Paese. Alcuni si sono radunati davanti alla statua di Winston Churchill, nella piazza del Parlamento, altri davanti al Cenotafio.

L'atmosfera si è surriscaldata quando alcuni manifestanti hanno tentato di superare le transenne davanti a Downing Street e hanno lanciato oggetti contro la polizia. Il ministro degli Interni, Priti Patel, ha pubblicato su Twitter i video degli scontri definendoli "inaccettabili atti di violenza".

"Chiunque compia violenza o vandalismi dovrà risponderne davanti alla giustizia - ha scritto Patel -. La violenza verso i nostri agenti non sarà tollerata".

Condividi