Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Borsa-in-calo-in-attesa-dell-inflazione-in-Usa-Inchiesta-sul-diesel-in-Francia-scende-Stellantis-7d2ec960-5e02-46f7-ab2e-b2624fb6b142.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Mercati

Borsa in calo in attesa dell'inflazione in Usa. Inchiesta sul diesel in Francia, scende Stellantis

Condividi
di Fabrizio PattiMilano Oggi apertura negativa per i mercati europei, in particolare per l'indice Ftse Mib di Milano, in calo dello 0,50%. Nel resto d'Europa Londra +0,03%, Francoforte -0,35%, Londra -0,23%. 

L'indice della borsa italiana è appesantito dal -2,26% di Stellantis. Come riporta l'agenzia Radiocor, è stato comunicato nella tarda serata di ieri che Peugeot, interamente controllata da Stellantis, è stata messa "en examen" dal Tribunale Giudiziario di Parigi per accuse di frode ai consumatori in merito alla vendita in Francia di veicoli diesel Euro 5 tra il 2009 e il 2015. L'inchiesta, iniziata nel 2016 e 2017,  ha coinvolto in Francia anche Renault e Volkswagen. 

Tra gli altri titoli sul Ftse Mib, maggiori rialzi per StMicroelectronics e Nexi, maggiori ribassi per Banco Bpm e Cnh Industrial. 
 
Gli investitori attendono il dato sull'inflazione negli Stati Uniti, alle 14.30 ora italiana. Ad aprile era salita più delle attese, +4,2% rispetto a un anno prima. La media delle previsioni degli analisti è di un rialzo a maggio del 4,7%. 

Il dato è importante perché se la banca centrale americana dovesse convincersi che non siano aumenti transitori ma duraturi, potrebbe ridurre gli acquisti di titoli attuali e nel medio termine alzare i tassi. Questo avrebbe effetti sul costo dei mutui e a cascata sulla velocità della crescita del Pil. 

Ieri cali limitati per gli indici di Wall Street, oggi invece gli indici asiatici sono saliti, con l'eccezione di Hong Kong (-0,21%) anche perché nella notte c'è stata una ripresa del dialogo tra Stati Uniti e Cina, con una telefonata tra i ministri del Commercio dei due Paesi. 

Ancora alto il prezzo del petrolio: ieri picco a 72,2 dollari al barile per il Brent, dopo il dato sulle scorte negli Stati Uniti, oggi lieve calo a 71,6 dollari, con un valore comunque vicino ai massimi dall'aprile 2019.
Condividi